Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Anno Quinto - Parte 2 di 2





Prosegue e si conclude in questo post la mia rassegna delle immagini che vanno a comporre la testata dell'Anno V del blog. Nella prima parte mi ero occupato delle prime sette immagini, è adesso il turno delle rimanenti otto.

8. Shell Beach

Nella testata dell'anno IV avevo assegnato a Picnic a Hanging Rock il ruolo di rappresentanza della sezione film di culto. Quest'anno l'eletto è Dark City, altro film citatissimo nel mio blog. Vi è comparso, tra l'altro, anche molto di recente, nel terzo dei quattro post con cui ho partecipato al meme Very Pop Blog dedicato agli anni '90. Ma la scelta di riproporre qui l'immagine con il pontile di Shell Beach è anche un modo per me di evocare, fin dall'inizio dell'Anno V, il mare e l'estate a venire.

9. Meriem

E' la seconda jungle-girl a comparire nel mio blog, dopo Luana, la figlia della foresta vergine, e la protagonista indiscussa di un'intera serie di post intitolata Meriem, la prima tarzanide, arrivata per il momento al suo sesto capitolo. La mia intenzione è di proporne altre di jungle-girls, il che per alcuni suonerà come una promessa, mentre per altri, spero pochi, come una minaccia. Ne approfitto intanto per segnalarvi che di ragazze della giungla si sta occupando anche, con tutta la perizia a cui ci ha abituato, l'amico blogger Lucius Etruscus nel suo blog Il zinefilo.
La versione di Meriem nella miniatura è quella topless di Richard Hexcox, ma nella mia serie di post ho presentato anche tutte le altre che si sono succedute dal 1915 a oggi.

10. Tarocchi delle streghe

Come ho scritto in almeno un'altra occasione, il set di tarocchi dell'artista scozzese Fergus Hall, da lui dipinto in origine per essere utilizzato nel film del 1973 Agente 007 - Vivi e lascia morire, è  il mio favorito in assoluto dal punto di vista estetico.




Entrato a far parte della storia ufficiale dei Tarocchi con il nome di Tarot of the Witches, il mazzo creato da Fergus Hall sarà poi riproposto, tre anni dopo, anche nell'ottimo erotico di casa nostra, diretto da Paolo PoetiInhibiton, che ha come interpreti principali Claudine Beccarie, Ivan Rassimov e Ilona Staller.




I tre Arcani che Carol (Claudine Beccarie) estrae dal mazzo sono in questo caso l'Imperatrice (III), la Papessa (II) e il Diavolo (XV), un evidente richiamo alle figure dei tre protagonisti del film e i rispettivi ruoli. 
Nel caso, invece, della nuova testata, il Diavolo di Fergus Hall vi compare in riferimento al post sull'Arcano XV da me pubblicato ai primordi del blog, come parte dello stesso ciclo di post su Solve et Coagula in cui mi sono occupato anche del demone Pazuzu.

11. Zio Lupo

Zio Lupo è stato e rimane una delle colonne portanti di questo blog oltre che della mia blog novel. Nella testata dell'Anno IV era stato scalzato dalla contemporanea presenza della foto di Lon Chaney Jr. truccato da uomo-lupo. Ma la sua apparizione non poteva essere rimandata oltre.
Il presente disegno è quello, notissimo, che accompagna le famose due paginette de I quindici con la versione della fiaba di Italo Calvino. Io, nel mio blog, l'ho usato per accompagnare una diversa versione della fiaba, la versione di Paolo Toschi.

12. Alcesti e Admeto

Considero il mito, e più in particolare il mito greco, un altro dei pilastri del mio blog, fosse anche solo per il fatto che Tempo del Sogno e Era del Mito sono termini sovrapponibili.
Non a caso, ho inserito nella seconda parte de Il Segreto di Hanging Rock la celebre frase da Degli dei e del mondo, piccolo catechismo pagano scritto dal filosofo romano Salustio (IV secolo d.C.), che recita, a proposito degli eventi del mito:
Queste cose non avvennero mai, ma sono sempre. 
E se proprio dovessi vantarmi di qualcosa a proposito di questo blog, sarebbe prima di tutto di non aver mai offerto del mito, nelle sue pagine, una descrizione puramente accademica. Non ho nulla contro le descrizioni accademiche del mito, benvenute e necessarie, ma preferisco lasciarle agli spazi dove trovano la loro collocazione più naturale, come le pagine di Wikipedia o della Treccani online. Personalmente, a differenza di altri blog, preferisco trattare il mito come qualcosa di vivente, e soprattutto di organico e coerente, e non come una curiosità da museo o, peggio, come una pura invenzione estetica o, molto peggio, come un tentativo, ingenuo e superato, di spiegare cose che, "un tempo", non si sapevano spiegare in altro modo.
Un esempio, esterno al mio blog, di quello che io considero l'approccio più corretto al mito, lo offre, per dire, questa bella canzone scritta da Juri Camisasca e interpretata da Alice.




Venendo invece al'immagine della miniatura, è la riproduzione di un affresco pompeiano, da me utilizzata in origine nel post di apertura del ciclo Apollo servo di Admeto, che è uno dei classici cicli di cui ho rimandato il finale troppo a lungo, oltre il punto in cui perdo il ritmo necessario e sono costretto a una pausa. Spero sempre di trovare, un giorno, il giusto stimolo per riprendere da dove mi sono fermato e arrivare a giusta conclusione. Ciò nonostante, va anche detto che ognuno dei post che lo compongono, e che trovate elencato con tutti gli altri nella pagina statica Tutti i post divisi per serie, tratta di un argomento specifico e può essere ugualmente letto con profitto come articolo a sé stante.

13. Edward Hopper

Come Zio Lupo, pure il mio pittore americano preferito era assente dalla testata dell'anno IV - c'era John James Audubon al suo posto - e non poteva mancare anche in questa. In più, con Edward Hopper ho inaugurato la mia avventura nel web, con il mio primo sito in assoluto, dedicato alla pittura realista americana e intitolato a un suo celebre quadro del 1949, Highnoon. Già apparso in passato anche in questo blog, lo ripropongo adesso nel caso che alcuni di voi non lo conoscano.




Anche per la mia serie di post su Hopper, vale comunque il discorso che ho fatto per Apollo servo di Admeto: una serie di post leggibili a sé ma che formano anche un discorso unico di cui manca il capitolo finale. Spero che in entrambi i casi la loro presenza qui, a inizio anno, sia di buon auspicio per un loro completamento futuro.
Riguardo infine al dipinto di Hopper presente nella nuova testata, House with Rain Barrel, del 1936, la sua scelta dipende anche dal fatto che la casa che vi è raffigurata somiglia a un'altra che appariva in un mio vecchio sogno ricorrente. Pure la casa del mio sogno era bianca e sorgeva isolata su di un ciglio erboso, sebbene a ridosso di una strada, oltre che in prossimità di una galleria che risulterebbe in ogni caso esterna allo spazio del quadro, al di là del suo margine sinistro.

14. Le figurine

Questa del giovinetto che lieto incolla figurine ci è parsa l'immagine più bella atta a rappresentare il nostro museo - tratta dall'album La fauna del mondo, Imperia, 1972 circa.
Così recita la pagina di apertura del sito del Museo Virtuale della Figurina, sito meritevole di essere esplorato ma purtroppo di difficile navigazione, a proposito della penultima immagine di questa rassegna. Io ero appunto uno di quei giovinetti lieti che nel lontano 1972 completava le immagini dell'album La fauna del mondo con gli appositi adesivi fustellati, che erano all'epoca una novità rispetto alle classiche figurine, adesive e non, di forma rettangolare.



15. L'uomo mascherato (The Phantom)

Altro omaggio doveroso. Stavolta al mio preferito dei tre personaggi del fumetto di avventura anteguerra con cui convivo da più tempo, circa mezzo secolo. Gli altri due sono il già citato Flash Gordon e Mandrake.
La prima tavola domenicale di The Phantom, apparsa nei quotidiani statunitensi nell'anno 1936, riassume le origini e la natura del personaggio.




Chiudo con una curiosità. Così come entrambe le testate, dell'anno IV e dell'anno V, si aprono per pura coincidenza con l'immagine iniziale di un eroe del fumetto di fantascienza, altrettanto non premeditato è che si chiudano con un personaggio che fa un gesto con la mano. Se stavolta è l'indice sollevato in segno ammonitore dall'uomo mascherato a chiudere la serie di immagini, l'anno precedente era stata la mano benedicente del ritratto del fumettista americano Vaughn Bodé.



Commenti

  1. Complimenti Ivano, post da antologia. Sempre elegante e raffinato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie anche per questa seconda, generosa dose di complimenti, Massimiliano. Buona settimana e a presto. Io torno già domani ;-)

      Elimina
  2. Uno scenario promettente. Quella regina mia omonima mi è simpatica e Hopper è davvero un grandissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luana, la regina del teatro e Luana, la regina della foresta... i vostri regni decisamente non si sovrappongono, al massimo sono confinanti ;D
      I quadri di Hopper, poi, li considero come delle poesie su tela, per questo nei miei post l'ho arditamente accostato a Rilke.
      Grazie Luana e a presto!

      Elimina
  3. Curioso header del blog, spiegato senza lasciare dubbi di sorta.
    Ciao Ivano!
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'header così strutturato ha lo scopo di far capire a colpo d'occhio, a chi capita qui per caso, se il mio blog può fare o no per lui/lei, di funzionare da reminder per i lettori di vecchia data e di essere di stimolo all'esplorazione per i lettori aggiuntisi più di recente. In altre parole, è un header con delle ambizioni ;-D
      Ciao e grazie Marina :-))

      Elimina
  4. In un header hai condensato il blog :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'intenzione di base è quella, Ariano. Grazie e ciao a presto :-))

      Elimina
  5. Davvero bello com'è venuto alla fine ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ne son contento anch'io. Nell'insieme mi piace di più di quello dello scorso anno ;-)
      Grazie Pietro e a presto :-))

      Elimina
  6. Fumetti, figurine (LOVE), Hopper, tarocchi... mamma mia *__*
    L'header è finalmente completa, ed è venuta bene!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che ti piaccia la nuova header, Miki. Per fortuna le mie origini sono quelle di grafico e qualcosa ci acchiappo ;-)
      Grazie e a presto :-))

      Elimina
  7. Ancora meglio della prima parte. :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero? Merito forse della presenza, anche se solo evocata, di Claudine Beccarie? ;D
      Scherzi a parte, grazie mille Nick :-))

      Elimina
  8. Augurissimi per il quinto anno! Hopper è anche uno dei miei preferiti e ora voglio leggermi tutti i post che gli hai dedicato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazissime per gli auguri Kukuviza! E Hopper ti aspetta ;-)

      Elimina
  9. Questi mi sono molto più familiari, abbiamo parlato dei Tarocchi moltissime volte, ho partecipato ai post su Hopper e Admeto attivamente, tant’è che posso dire di aver imparato questo mito proprio qui!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le serie su Hopper e Admeto... se troverò il tempo, durante la pausa invernale del blog cercherò di rileggerle così da poter riprendere il filo del discorso là dove lo avevo interrotto.
      Riguardo ai tarocchi, avevamo anche fantasticato sulla realizzazione dei Tarocchi Babilonesi, o ricordo male?

      Elimina
    2. Si, una delle primissime discussioni che abbiamo fatto! E poi io ho realizzato l’arcano del Diavolo!

      Elimina
    3. Il tuo arcano del Diavolo ce l'ho ben presente, visto che l'ho utilizzato anche in questo mio post:

      http://ivanolandi.blogspot.it/2013/12/solve-et-coagula-nota-al-capitolo-2_27.html

      Non ricordo però se ti ho chiesto il permesso o se già non ti si vedeva più in giro... la data del post non fa fede, perché ho inserito l'immagine in un secondo tempo, durante la revisione del blog di un anno e mezzo fa.

      P.S. Grazie mille per esserti iscritta alle mie pagine facebook *__*

      Elimina
    4. Non ricordo e comunque anche se non me lo avevi chiesto mi fa un immenso piacere lo stesso che mi abbiate pensata mente ero via! Per me la cosa più importante è questa!
      Figurati, devo recuperare un milione di capitoli xD

      Elimina
    5. E io ho da reinserirti nell'elenco dei Vicini di Blog. Domani, mentre aggiorno anche le pagine statiche.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia