Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 168




Parte II - Capitolo 3 /9

«A cosa pensi?» domandò Paula dopo un lungo silenzio, distraendo Massimo dai suoi pensieri.
Era già metà pomeriggio, e avevano percorso almeno un terzo dei circa cinquanta chilometri di strada che separavano Pontorson da Saint-Malo, ma Massimo non riusciva ancora a scrollarsi di dosso la sensazione con cui si era svegliato quella mattina, di dover ricordare qualcosa di importante accaduto proprio durante le ore notturne. In certi momenti aveva anche la sensazione di essere a un passo dal riuscirvi, ma poi, l’istante dopo, tutto tornava a essere vago e inafferrabile. In quanto ai suoi ricordi ordinari, sembravano arrivare solo fino al momento in cui aveva lasciato la terrazza, e la compagnia di Paula, per coricarsi.
«A niente di importante» le rispose con un’alzata di spalle. «Cercavo solo di ricordarmi cosa avevo sognato stanotte».
«È stata una notte importante, stanotte. Ma nulla rispetto a quella che ci attende al termine di questa giornata» osservò lei.
Massimo si era talmente abituato a quel genere di esternazioni da parte di Paula, da avere ormai smesso di dargli qualsiasi importanza. Era dall’inizio del loro viaggio insieme che lei non faceva che giocare alla Sibilla e prevedere, in tono solenne, cose che però alla fine dovevano accadere, se mai accadevano, solo nella sua testa. O era un’attrice da tragedia frustrata, o le mancava almeno un paio d’ore di un venerdì, aveva concluso. Ma poiché era anche sopravvissuto senza troppi inconvenienti, a parte i massacranti viaggi in treno o in corriera, a tre intere settimane trascorse in sua compagnia, non aveva dubitato un solo momento che sarebbe arrivato incolume fino all’indomani, qualunque fantasia sul loro immediato futuro Paula si stesse facendo.
Eppure non riusciva a trattare con la stessa indifferenza le strane sensazioni che lui stesso stava vivendo in quel momento, proprio riguardo alla notte appena trascorsa.
«In che senso stanotte sarebbe stata una notte importante?» chiese ansioso.
«Davvero non ti ricordi di niente?» gli domandò lei a sua volta, ma senza tradire nessuna vera sorpresa.
«Niente di niente» le confermò desolato. «Si vede che ho dormito di sasso fin dal primo momento in cui mi sono disteso sul letto».
Paula reagì con un risolino mezzo soffocato, che lo irritò non poco.
«Che c’è? Ho parlato nel sonno? Oppure…».
«Va avanti… oppure?».
«Oppure, mentre io ero addormentato, hai fatto qualcosa che non avresti dovuto fare?».
Il repentino cambio d’umore di Paula, a quella sua esternazione, lo convinse che la sua insinuazione potesse davvero averla offesa. «Se intendi dire se me la sono spassata a tua insaputa, la risposta è no» replicò lei bruscamente. «Per il resto, pazienta alcune ore e saprai tutto quello che c’è da sapere».

Scesero dal pullman alla stazione di Saint-Malo poco prima delle 17, ora in cui li attendeva l’autobus per Saint-Méloir-des-Ondes, ultima tappa del loro viaggio prima di Cancale.
«Mi sembrava che ieri avessi detto che avremmo fatto la nostra arrampicata in pieno giorno, sotto il sole a picco. Di questo passo, mi sa che la faremo in notturna».
«Ieri non avevo ancora controllato gli orari dei pullman. E in ogni caso è un dettaglio senza importanza» ribatté lei.
«Ok, mi arrendo. L’importante è che a Cancale ci fermiamo a mettere qualcosa sullo stomaco. Altrimenti, che ci sia il sole o l’ombra, non riuscirò mai a fare sette chilometri a piedi». E per dare sostegno alla sua affermazione, Massimo si assestò anche un lieve pugno sotto il diaframma. «Senti come suona vuoto?».

Commenti

  1. Povero Massimo! Sta per vederne delle belle. Esperienze molto particolari come se di drogasse di nuovo.
    Quanto alla notte precedente.... uhm.... aveva sognato qualcosa di strano oppure era sotto l'effetto di allucinogeni o magia?
    Mah! Vedremo dove ci porta la fantasia di Ivano. 😃😃😃😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca poco alla meta, Patricia. Dove scopriremo che niente è come sembra ;-)

      Elimina
  2. Povero Massimo! Il viaggio in compagnia di questa Ecate non può che riservargli infinite sorprese… che, però, si traducono in un grandissimo vantaggio per noi lettori! Ne vedremo delle belle :-)
    Sei bravissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Grazie mille del sostanzioso apprezzamento, Clementina. Spero che la sorpresa si dimostri alla fine all'altezza delle aspettative ;-)

      Elimina
  3. Povero Massimo, non so proprio dove lo porterà questo viaggio.
    Ho letto i capitoli precedenti, sono davvero interessanti e non vedo l'ora di scoprire dove ci condurrai.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille dell'interesse Francesca.
      Un abbraccio e buona giornata.

      Elimina
  4. Accidenti, ora Massimo soffre di amnesie... ma la vera domanda è: sono indotte o farina del suo sacco? :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi indotta. Se ricordasse qualcosa di quel che è successo, Massimo forse non sarebbe più così disponibile a farsi condurre per mano dalla sua mentore.

      Elimina
  5. Già, le presunte amnesie di Massimo son sospette... occorrerà una sorta di "risveglio"/presa di coscienza? Son curiosa! :D

    Comunque... a Pontorson ho alloggiato presso l'ostello del Centre Duguesclin (proprio relativamente al viaggio della foto in Fb, quella dove sono piegata sotto lo zainone XD) :O La chiesa del piccolo centro è bellissima, un luogo senza tempo! Pardon per l'OT, ma che ricordi :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessun OT. Mi fa piacere sapere che stai viaggiando in parallelo con la nostra strana coppia. Io, quando rivedo immagini dei miei viaggi di quegli anni, mi domando sempre se ero davvero io o un sostituto a mia insaputa ;D

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento