Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

5 mie cartoline dall'Estate dei Fiori Artici




Questo mese di febbraio si preannuncia all’insegna dei meme per il mio blog, visto che ho deciso di aderire, per il momento, a ben due di quelli in circolazione. Quello che presento per primo, sebbene sia in realtà secondo per apparizione cronologica, l'ho trovato in questo post del blog Appunti a Margine di Chiara Solerio, che si è a sua volta ispirata al post 5 cartoline dai miei personaggi del blog Lettore Creativo di Silvia Algerino. Si tratta di immaginare di ricevere delle cartoline dai protagonisti di un nostro scritto. L'intento originario sarebbe in realtà quello di essere aggiornati sulla situazione al presente dei nostri personaggi, dopo il finale del libro, ma poiché anch'io, come Chiara, sono in corso d'opera, seguirò la sua stessa soluzione di far parlare i miei personaggi (ma in realtà uno solo: il vostro umile cronista) dal passato, da alcuni dei luoghi citati nel mio romanzo L’Estate dei Fiori Artici. Il principale protagonista della storia sono infatti io, e sarò quindi io a compilare le cinque cartoline previste. In quanto al loro destinatario, facciamo che le prime tre siano indirizzate a uno qualsiasi dei miei amici di allora, mentre le seconde due le invierò direttamente al mio amico Daniele, protagonista con me della prima parte del romanzo. In fondo qui si gioca e ci si diverte - in modo, si spera, intelligente - nel frattempo che, perché no?, ci si fa anche un po' di pubblicità.
Fra parentesi, qualcuno di voi forse ricorderà che un anno e mezzo fa avevo anche pubblicato un resoconto dello stato di avanzamento della mia revisione - in questo post dedicato alla domanda scomoda per eccellenza, A che punto sono? - che mostrava come avessi ormai consegnato allo stato definitivo il 60% del totale. Del rimanente 40% in questo anno e mezzo ho completato... non so, dovrei rifare i conti, e forse li rifarò presto, ma torniamo per il momento al presente post. Quelle che ho scelto sono tutte immagini di vere cartoline, messe in vendita nel circuito del collezionismo, che ho reperito su e-bay. Le prime tre sono collegate alla prima delle quattro parti in cui si divide L’Estate dei Fiori Artici, relativa a un mio viaggio da Firenze a Parigi compiuto interamente in autostop, in soli due giorni e tre tappe - Firenze-Genova, Genova-Modane, Modane-Parigi - nell’estate del 1979. Io all'epoca avevo diciotto anni, quasi diciannove, avevo appena terminato il liceo artistico e dividevo un appartamento con mia madre e mio fratello. Questo era il mio primo viaggio all'estero, condiviso con un amico che ho appunto ribattezzato, per ragioni di privacy, Daniele.


* * *


La prima cartolina l'ho scritta e spedita da Genova il 27 luglio 1979.

E noi che avevamo paura di non riuscire a trovare un passaggio prima di chissà quante ore! Invece è a malapena ora di pranzo e siamo già a Genova. E senza avere ancora tirato fuori di tasca un soldo! Certo, la scorta di scatolette di tonno e frutta finirà entro stasera o domani, ma finché possiamo continuiamo con la nostra filosofia del risparmio a ogni costo. E speriamo anche di continuare a essere fortunati con l'autostop.

La seconda cartolina l'ho spedita invece dal suolo francese, da Modane, il 28 luglio 1979.

Incredibile! Un solo giorno di viaggio ci è bastato per attraversare il confine. Sembra proprio che qualcuno lassù abbia deciso di darci una mano. E' stato bellissimo anche dormire nel sacco a pelo sotto il cielo stellato, con le Alpi sullo sfondo. Adesso riprendiamo a fare autostop. E se la fortuna ci assisterà oggi come ieri, stasera saremo già a Calais, pronti a imbarcarci su un traghetto per l'Inghilterra.

La terza cartolina l'ho inviata, sempre il 28 luglio, dalla capitale. Vi è raffigurata Place St Michel, con la celebre fontana dell'arcangelo.

Per ora tutto bene, o quasi. Alla fine ho fatto qualcosa che con il senno di poi avrei dovuto evitare, visto che ha scombussolato i nostri piani e ci ha costretti a trattenerci a Parigi più del previsto, ma ormai non posso più farci niente. Il caso ha comunque voluto che la notte che pensavamo di dover trascorrere all'aperto, in qualche piazza o parco, la passeremo al chiuso e almeno di questo possiamo esser contenti. Contiamo di rimetterci in viaggio domani mattina presto.

La quarta cartolina, del 4 agosto 1979, ha a che fare con la seconda parte del romanzo e proviene da Follonica.

Caro Daniele, so che non potrai leggere questa cartolina fino al tuo ritorno dall'Irlanda, e forse a quell'ora sarò già rientrato anch'io, ma non importa. Sono sceso dal treno pochi minuti fa e sto per avviarmi verso un campeggio a pochi passi dalla spiaggia dove trascorrevo un tempo le mie estati. Ho infatti deciso che un po' di tranquillità, dopo l'esperienza della notte parigina, è quel che mi ci vuole, sebbene io non riesca a incolpare Parigi di niente. Spero anzi di tornarci presto, perché l'ho trovata una città meravigliosa. Non so chi di noi due tornerà a casa per primo ma io credo che mi tratterrò a Follonica fin quasi a fine agosto.

Infine, la quinta e ultima cartolina l'ho inviata, in data 19 agosto 1979, dal cuore assolato e selvaggio della Maremma Toscana. I fatti a cui accenno costituiscono la terza e quarta parte del mio romanzo.

Caro Daniele, ti scrivo di nuovo anche se immagino tu sia ancora in Irlanda. Ancora una volta è successo qualcosa che ha modificato i miei piani e in modo ben più radicale della notte di Parigi. Stavolta non mi sono quasi mosso, d'accordo, eppure mi sono trovato coinvolto in una serie di vicende che al confronto fanno impallidire quelle che abbiamo vissuto insieme in quell'occasione. Ne avrò di cose da raccontarti al mio, o tuo, ritorno!

E questo è tutto. Sono molto contento di aver aderito al meme di Silvia, sebbene in una versione modificata dalla particolare natura del mio scritto, poiché ho potuto così anticipare, per la prima volta, qualcosa de L'Estate dei Fiori Artici. Spero che vi siate divertiti a leggere questo post come io mi sono divertito a compilarlo.


* * *


L'immagine in alto sotto il titolo è: Vladimir Kush, Atlas of Wonder.

Commenti

  1. Idea deliziosa: sento che il contagio memetico si fa strada in me!
    Devo rubarti questa "idea doppia": sia cioè quella dei 5 personaggi (non ne ho così tanti ma posso usare i tanti comprimari) sia quella del me stesso del passato che mi manda cartoline, che trovo parimenti deliziose.
    Grazie per il contagio ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, Lucius. E come puoi vedere, anche io ho utilizzato solo tre personaggi: il mio me stesso di allora in veste di redattore delle cartoline, e due miei vecchi amici, tra cui uno senza nome, come mittenti. Mi auguro quindi che il contagio memetico segua il suo decorso fino in fondo. E nel caso, più che me, ricordati di citare Silvia come ideatrice del meme ;-)

      Elimina
  2. Grazie mille, Ivano, per aver ripreso il mio post. Bella l'idea di utilizzare cartoline vere, un valore aggiunto non da poco. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per la splendida idea, Silvia, che sembra destinata a fare nuovi acquisti. Già la catena tu-Chiara-io ha prodotto discrete variazioni sul tema. Chissà quali altre sorprese ci riserverà questo meme ;-)
      Ho voluto utilizzare vecchie cartoline anche per restituire il più possibile il sapore degli anni in cui è ambientato il mio romanzo.

      Elimina
  3. Come idea per creare hype per il proprio romanzo in procinto di pubblicazione mi sembra ottima. In effetti mi hai incuriosito, doppiamente col fatto che a quanto vedo si tratta di un'esperienza autobiografica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, soprattutto nella prima parte l'esperienza è autobiografica. Nelle tre parti successive ho dovuto, per esigenze di narrazione, fare dei ritocchi, ma si può parlare ancora di un 70-80% di autobiografia.
      Grazie Ariano, spero di vederti a tua volta partecipe ;-)

      Elimina
  4. Bella pensata! Un modo garbato e coinvolgente per parlare del tuo lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Glò! Sono d'accordo sul fatto che Silvia abbia avuto bella pensata. In futuro avrei trovato comunque un modo per parlare del mio lavoro, ma certo non adesso, e sono stato molto contento di questa occasione :-))

      Elimina
    2. Beh... io spero ovviamente che ci ragguaglierai, non troppo nel futuro, sull'Estate...! ^_^

      Elimina
    3. Per la verità, cara Glò, spererei proprio di pubblicare... non troppo nel futuro ;-)

      Elimina
  5. E cavolo, mi hai fatto salire la curiosità alle stelle!!! *_______*

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow! Che piacere mi fa sentirtelo dire, Miki. Grazie! *___*

      Elimina
  6. Se è come hai scritto sotto le cinque cartoline, potrebbe davvero piacermi^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe piacerti anche perché c'è dentro un po' di cultura pop ;-)

      Elimina
    2. Immaginavo l'avevo captato!^^

      Moz-

      Elimina
  7. Io sono rimasta appesa alle vicende che fanno impallidire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arriveranno presto, Marina, almeno ci conto...

      Elimina
  8. Risposte
    1. Grazie Ferruccio! Perché non partecipi anche tu all'iniziativa?

      Elimina
  9. Che bello questo post Ivano, mi fa piacere che tu abbia aderito al meme di Silvia, un'idea davvero carina quella delle cartoline dai propri personaggi, io parteciperò la prossima settimana spero, con i miei tempi lunghi che ormai conoscete. Molto bella anche l'idea delle cartoline vere e mi hai messo anche molta curiosità sul tuo romanzo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, Giulia, per il gradimento del post e per la curiosità verso il mio romanzo. Sono davvero curioso di leggere la tua versione del meme. Tu poi che sei una pubblicata hai anche la possibilità di mantenerti più fedele all'intenzione originale di Silvia.

      Elimina
  10. Il meme diventa particolarmente interessante se ci incarniamo nei nostri "noi stessi" di allora, in effetti.
    Ho letto con piacere questo tuo te stesso di tanti anni fa. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo meme si presta in effetti a molte varianti interessanti. Un grande grazie, Luz. Spero di vederti tra i partecipanti :-)

      Elimina
  11. Molto interessante questo meme. Forse parteciperò anche io, ma devo studiare bene la cosa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo! Verrò sicuramente a leggerti, Giuseppe.

      Elimina
  12. Il meme è carino, non so ancora se parteciperò causa mancanza di tempo. Però se tra tutte le cartoline dovessi sceglierne una sola opterei per Place S. Michel, prima di tutto perché Parigi è pur sempre Parigi. Secondo perché il mio viaggio di nozze l'ho trascorso proprio in quel quartiere e su quella piazza passavo spesso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un viaggio di nozze nel Quartiere latino, quindi. La trovo una scelta allo stesso tempo intellettuale e Bohémien ;-)
      La mia scelta tra le cinque cartoline cadrebbe invece, sempre per motivi affettivi, su quella di Follonica.
      Grazie del commento, Nick. Spero di vederti presto uscire con la tua versione del meme.

      Elimina
  13. Davvero molto carino come meme, e ho appena lasciato un commento anche sul blog di Silvia. Però non credo che parteciperò. Mi sembrerebbe strano che i miei personaggi mi spedissero delle cartoline, arrivando al massimo al 1794 come epoca storica! Al massimo delle lettere o dei messaggi su pergamena, magari inviati col piccione viaggiatore; ma allora perderei tutto il divertimento nello scegliere le immagini. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco bene, Cristina. Per quanto un meme possa essere adattabile ci sono dei limiti che non si possono superare, pena il suo completo snaturamento ;-)

      Elimina
  14. L'idea delle cartoline "reali" ci porta davvero nel passato recente in un periodo in cui recuperiamo le tracce della nostra presenza in uno spazio tempo diverso dal qui ed ora che viviamo. Questa leggendo e stata la sensazione che ho vissuto insieme a te.
    Cartoline, libri, storie anche inventate sono come macchine del tempo che ci riportano indietro...complimenti per il tuo lavoro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie del commento e benvenuto, Roberto! Hai colto nel segno paragonando questo mio spazio a una specie di macchina del tempo, visto che privilegio i decenni '60 e '70, che sono stati quelli della mia infanzia e prima giovinezza.
      Accetto e ricambio con piacere i compimenti. Come sai, apprezzo molto anch'io il tuo blog. Devo anzi ricordarmi di inserirlo quanto prima nel mio blogroll :-)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento