Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 158




Parte II - Capitolo 3/1


Massimo passò buona parte delle ore successive alla partenza da Woolpit a maledire dentro di sé il momento in cui aveva acconsentito a mettersi nelle mani di Paula Susi. Dopo aver cenato, secondo programma, in un ristorante tipico della cittadina, i due avevano preso un taxi fino alla stazione di Cambridge, per poi salire su un treno diretto alla stazione londinese di King's Cross. Dopodiché, sempre secondo programma, avevano preso la coincidenza per Dover. Solo strada facendo Massimo aveva avuto modo di scoprire che l'affermazione di Paula, sul passare la notte nella cuccetta di un vagone letto, era stato qualcosa di detto così per dire, mentre la realtà era molto diversa. Da lì a Dover li attendevano ancora due cambi, il primo alla stazione di London Bridge, dove presero un treno per Gillingham, nel Kent. Vi arrivarono che erano le due di notte.
«Siamo più o meno a metà strada» gli spiegò lei.
Ma era un’altra affermazione che si prestava a un'interpretazione libera. Vera nel senso della distanza chilometrica, ma se si metteva a confronto il tempo che avevano impiegato a coprire la prima metà del percorso con quello che sarebbe loro servito per arrivare a destinazione, allora si ottenevano due risultati contrastanti. Da un lato, il tempo che rimaneva loro da trascorrere sul treno per arrivare a Dover era effettivamente di un’ora e mezzo scarsa - quindi la metà o anche meno di quello che avevano impiegato per venire da Cambridge - ma, dall’altro, non sarebbero arrivati a destinazione prima di altre cinque ore. Il che si traduceva, in soldoni, in tre ore e mezzo di attesa nella sala di aspetto di Gillingham.
Era una prospettiva che non sembrava minimamente turbare Paula, che doveva del resto averla avuta presente fin dall'inizio nonostante se la fosse tenuta per sé, ma Massimo - che in un altro momento avrebbe senza dubbio reagito con tuto lo stoicismo di cui era capace, dato che aveva attraversato di peggio e non si era mai tirato indietro né lamentato più del necessario - era affranto alla sola idea. Con il morale sempre più a terra, e il fisico sempre più a pezzi, avrebbe fatto volentieri ritorno nel letto di ospedale che si era lasciato alle spalle meno di una settimana prima piuttosto che dover continuare a sonnecchiare sul sedile di un treno in corsa o sulla scomoda panca di una sala d’aspetto. Per non parlare della nostalgia che provava per il suo vecchio, caro sacco a pelo, che non avrebbe mai più rivisto in vita sua.
Riguardo infine alla presenza con lui della sua enigmatica accompagnatrice, da un lato ne era gratificato, ma dall’altro continuava a viverla come ansiogena. Con tutto quel suo giocare a fare la misteriosa, non sapeva ancora perché avesse voluto coinvolgerlo in quel viaggio, e neanche quale fosse la loro destinazione finale. Tutto quello che era riuscito a strapparle era che dal porto di Dover avrebbero preso un traghetto per Calais, e dall’Inghilterra si sarebbero spostati in Francia. Era dunque l’Italia la loro meta? Ma se era così, perché non lei non lo dichiarava apertamente, invece di insistere su quel “una cosa alla volta” che dava a Massimo la sgradevole sensazione di non avere più nessun controllo sul suo presente né, tanto meno, sul suo futuro? In più, come se non fosse abbastanza, si trovava a dover convivere sia con l'imbarazzo creatogli dalla scelta di Paula di farsi carico di tutte le spese di viaggio, sia con lo sforzo costante di non costruirsi aspettative su di lei che temeva avrebbero anche potuto rimanere inesaudite. Ma, almeno su questo secondo punto, si poteva dire che la partita fosse per lui persa in partenza.


Commenti

  1. Quindi Massimo non sa dove sta andando nè quando ci arriverà perchè con Paula è possibile qualunque eventualità, anche un cambio di rotta.... uhm... mi sa che avrebbe fatto meglio a tornare in Italia da solo ma Ivano cosa avrebbe scritto poi? :))
    Sono convinta comunque he ne leggeremo ancora delle belle :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi giurarci, Patricia. Le intenzioni nascoste di Paula sono davvero molto particolari ;-)
      A presto!

      Elimina
    2. Mi avresti deluso atrimenti ahhahahahah
      ciaooo

      Elimina
  2. Ecco, riprendiamo il viaggio di Massimo! In effetti non avevo pensato a un'attraversata verso il continente :O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Contrariamente a quel che avevo detto nel post "Anno Quarto" ho deciso di passare subito al terzo capitolo e riprendere quindi in mano le vicende di Massimo e Paula. La Normandia è la prossima tappa del duo, poi chissà ;-)
      A presto, Glò!

      Elimina
  3. Eccomi, mi sono portata in pari con le ultime due puntate. :-) Quasi mi ero dimenticata di Massimo in balia della misteriosa Paula, tutta presa dalle vicende di Luisa. Chissà, magari lei lo sacrificherà gettandolo sotto le rotaie del treno, ehehe... Però poi lui non potrebbe più diventare il padre di Luisa. Staremo a vedere!

    P.S. Ti segnalo un piccolo refuso sul nome della stazione: King's Cross.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non era un refuso. Avevo proprio in mente Kings Cross. Penso a causa del distretto di Sydney, in Australia, con quel nome.
      Ho visto che è arrivato Murakami atto II. Appena possibile passo a vedere ;-)

      Elimina
  4. Il ritorno di Massimo in viaggio verso l'Italia o chissà dove insieme a Paula...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, già... e tra alcune pagine sapremo quale è la vera meta. Grazie e a presto, Giulia :-)

      Elimina
  5. Vedo che siamo tornati a Massimo...
    Ma lui e Luisa si incontreranno prima o poi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be', Massimo è destinato a diventare il padre di Luisa l'anno successivo agli avvenimenti qui narrati, quindi si può dire che l'incontro sarà inevitabile ;-)

      Elimina
    2. Non avevo capito che Massimo era il padre di Luisa!

      Elimina
    3. Non posso dirmi stupito perché capisco bene come non sia facile seguire una storia pubblicata in questo modo e per di più formata, nella parte II, da due storie parallele che si svolgono in tempi diversi (2013 e 1985).
      Il finale della prima parte comunque presentava un lungo colloquio tra Luisa e suo padre Massimo, in cui quest'ultimo raccontava alla figlia una parte della sua esperienza in Inghilterra dell'estate del 1985. La parte relativa alle vicende di Massimo e Paula inizia appunto da dove si era interrotto il racconto di Massimo a Luisa.
      Inoltre le vicende del 1985 servono a spiegare, almeno in parte, perché Luisa si trovi a vivere, nel 2013, quella interminabile serie di casini ;-)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento