Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Gli occhi di Modì. Il lato b - Anteprima 3 /4




Shaula II: Gli occhi di Modì

estratto dalla prima stesura - seguito


Dovevo ammettere che con l’opera di restauro portata a termine, l’edificio aveva un’aria abbastanza accogliente e cominciai a ritenere infondati i miei timori; ad attenderci non c’era, con ogni probabilità, nulla di diverso da una domenica di relax. Appena scesi dall’auto scorgemmo subito alcuni del gruppo di amici affacciati a una finestra del piano superiore.
“Salite di sopra” gridò Angelica, facendo un ampio cenno col braccio.
Dopo esserci arrampicati sulla stretta scalinata che partiva fin quasi dalla soglia d’ingresso, seguimmo il lungo corridoio sul quale si aprivano quasi tutte i locali del piano superiore, fino alla stanza da letto principale, dove trovammo tutti ancora in mutande e maglietta e seduti sui letti disfatti.
Stavano facendo un gioco, come scoprimmo. “Ognuno di noi ha scritto su di un foglietto una prova, li abbiamo mescolati tra loro e a turno abbiamo pescato a caso. Adesso, come penultimo, si sta esibendo Milarepa” spiegò ancora Angelica, entusiasta come una bambina.
Ci misi un po’ a collegare il nome di Milarepa con colui che avevo sempre conosciuto come Massimo, eppure, malgrado tutto, la faccenda dei nomi mi incuriosiva, come qualunque altra cosa in grado di stabilire un nesso spontaneo tra la situazione presente e i giorni della mia esperienza con Marzia. La differenza, non da poco, era che lei il nome Shaula non se lo era scelto ma era stata sua madre a sceglierlo per lei - ammesso che le cose stessero davvero così, visto che, come avevo scoperto da poco a mie spese, la ragazzina si era rivelata all’apparenza capace di mentirmi in modo spudorato.
Comunque sia, con la mia indagine che nel corso di una settimana non si era quasi mossa dal suo punto di partenza, decisi di tentare il tutto per tutto anche a costo di dovermene poi pentire.
“Visto che siete così esperti di nomi strani, qualcuno di voi sa dirmi qualcosa a proposito del nome Shaula?” chiesi tutto d'un fiato.
Tutti nella stanza, uno dopo l’altro, risposero negativamente.
“Però devo dire che mi piace come nome” commentò Katiuscia. “Potrei usarlo al posto di Sheherazade. Shaula, come mi sta?”
Molto bene stavo per dirle, perché caso voleva che Katiuscia, non solo era una bellissima ragazza ma, fisicamente parlando, aveva molti punti in comune con la mia ex compagna di vacanze, a cominciare dai tratti più appariscenti: i lunghi capelli neri e senza pieghe e gli occhi quasi altrettanto scuri; bastò tuttavia un istante perché mi vergognassi di avere anche solo pensato che Marzia fosse sostituibile ai miei occhi da una ragazza con caratteristiche fisiche simili alle sue.
“In quale libro hai trovato questo nome?” domandò Anselmo, la cui curiosità intellettuale non era mai sazia.
“In nessun libro” replicai. “Ho conosciuto una ragazza al campeggio che si chiamava così, e tutto quello che lei ha saputo dirmi del suo strano nome è che dovrebbe avere origini africane”.
Era quasi la verità, e più di così non me la sentivo di scoprirmi.
“Non mi hai fatto parola di lei l’altro giorno” osservò Daniele.
“Non mi sembrava importante” spiegai. “Non ci pensavo neanche più a lei ed è solo a sentire questa lista di nomi strani che mi è tornata in mente”.
Stavolta l’avevo invece sparata grossa e per un momento mi sentii arrossire in volto; per fortuna, con mio grande sollievo, l’argomento fu lasciato cadere e l’attenzione generale tornò a concentrarsi su Massimo, o meglio su Milarepa, ancora in piedi nella stanza, in mutande, t-shirt e scarpe da ginnastica, munito di una chitarra e all’apparenza pronto a riprendere l’esibizione dal punto dove era stata interrotta dal nostro arrivo.
“Un momento” domandò a un tratto Vincenzo. “Che succede se qualcuno pesca il foglietto con la sua stessa proposta?”
“Non cambia niente. Fa la sua esibizione, esattamente come se l'avesse scritta qualcun altro” gli rispose Katiuscia.
Intervenne allora Anselmo, spazientito. “Volete far durare questo stupido gioco fino a stasera? È quasi mezzogiorno e io dopo pranzo voglio andare al fiume, come avevamo deciso. Forse è l'ultima domenica d'Estate che abbiamo disposizione e non voglio certo passarla rinchiuso fra quattro mura. A chi tocca dopo Milarepa?”.
“Ma io non ho finito... Sono stato interrotto dal loro arrivo” protestò con vigore Massimo-Milarepa, indicando il nostro gruppetto di quattro.
Anselmo sospirò. “Ok, continua pure”.
Il foglietto che aveva pescato, lo scoprimmo a nostre spese, prevedeva che eseguisse Scarpa a banana, celebre hit del momento del celebre, e celebrato, gruppo musicale Sniff. Così, dopo aver contato fino a quattro in inglese, accompagnandosi con il battito del piede, Massimo-Milarepa cominciò a urlare a squarciagola, traendo allo stesso tempo una serie di accordi del tutto arbitrari dalle corde della chitarra. Il demenziale distico che componeva l’intero testo della canzone,

Scarpa a banana, scarpa americana...
ciucci-uei ciucci-uò, ora balla il rock’n’roll!

echeggiò per varie volte - forse una ventina - tra le pareti della stanza, prima che lui si decidesse a concludere l’esibizione, finalmente soddisfatto o forse soltanto stanco.



Se non altro, quell’assurda esibizione di un brano di per sé oltre i limiti dell'assurdo, servì a ribaltare in fretta il mio umore e a sintonizzarlo con quello, dominante, di divertimento generale. Per un breve momento mi trovai perfino a considerare la possibilità, visto il gran numero di posti vacanti, di fare richiesta di diventare a tutti gli effetti un membro della Colonica.
Notai tuttavia, che mentre c’era chi tra loro aveva addirittura le lacrime agli occhi per il gran ridere, Anselmo, manifestava solo i segni esteriori di un divertimento moderato, e a tratti sembrava addirittura accigliarsi.
“Io intanto vado giù in cucina a preparare da mangiare, vi aspetto giù” disse a un certo punto, e uscì dalla stanza.
“Ma è sempre così nero?” domandò Vincenzo.
“Lo è soprattutto da ieri” spiegò Angelica. “Gli abbiamo sostituito uno dei suoi panetti di hascisc con della comune valeriana debitamente camuffata. Tutti noi eravamo al corrente dello scherzo escluso lui che ne era il destinatario e non si è accorto di nulla”.
“Nessuno di noi era comunque preparato a quello che è successo” continuò Adriano, “In pratica, mentre noi siamo rimasti del tutto lucidi, il nostro buon Ogotemmeli è andato incontro al più colossale sballo della sua vita. E’ tornato in sé solo alcune ore dopo, quando abbiamo finalmente trovato il coraggio di metterlo al corrente della vera natura di ciò che aveva fumato. Dopodiché non ci ha più rivolto la parola, fino a stamani”.
Per un momento tutti diventarono seri, quasi realizzassero solo in quel momento la piena portata dell’accaduto, finché all’improvviso Katiuscia non agitò in aria il foglietto, ancora ripiegato, che aveva in mano. “Tocca a me finire il gioco” gridò, cominciando nel frattempo a svelare, prima di tutto a se stessa, le misteriose istruzioni. Angelica, a quel punto, non poté evitare di lasciarsi sfuggire uno sghignazzo, e il perché fu chiaro a tutti un istante dopo.

3 - Continua

* * *

L'immagine in alto sotto il titolo è: Roger Dean, A Black Astronaut (1971)

Commenti

  1. Il racconto mi fa ricordare sempre più il clima delle vecchie comuni degli anni '70s. Si tratta di bei ricordi almeno per me, quindi mi piace molto il rapporto che stai creando tra i vari personaggi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Nick :))
      Senza dubbio l'atmosfera è quella e averla vissuta in prima persona aiuta a restituirla.
      Ma tu eri già all'opera in quel periodo? Mi pareva che fossi un po' più giovine di me...

      Elimina
  2. Oddio, che roba è Scarpa Banana?!?
    E quello che ha sballato con la valeriana? E' l'effetto placebo! Aahah! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Scarpa banana", ma secondo me dovrebbe essere "Scarpa a banana" è uno dei capolavori del progressive anni '70. Si sente, no? ^_^
      Scherzi a parte, gli autori e interpreti, gli Sniff, erano considerati all'epoca la risposta fiorentina agli Skiantos.

      L'effetto placebo è sempre in agguato... e poi, chissà, forse la valeriana ha delle potenzialità nascoste ancora tutte da esplorare ;-)

      Elimina
  3. Sconvolta per la hit XD E per l'effetto-valeriana ahahahah!
    Resta da vedere che combinerà Sheherazade o.O
    Molto bello anche questo estratto ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Glò.

      Che hit, eh? Meno male ci son qua io a colmare le lacune musicali ^_^

      Sheherazade? Più che altro è Angelica-Diotima ad aver combinato... il mistero sarà svelato a breve (entro domenica).

      Elimina
  4. Ok, aspetto di leggere l'istante dopo, bello.
    Ahahaha... Scarpa a banana, che forte ^__^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna Maria :)) Allora ti aspetto qui per il gran finale!

      Elimina
  5. Forte! E interessante l'esperienza. Mai nemmeno visto da lontano una comune : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In questo caso s'ha da parlare però di una comune part-time, Patricia. Il tentativo di farne una a tempo pieno è fallito in partenza ^^

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento