Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Insieme raccontiamo /1: Alice nel Paese delle Meraviglie




Non avevo previsto nessun post per oggi, ma poiché Patricia Moll cento ne pensa e cento ne fa... eccomi qua!

* * *

Da questo mese la famosa blogger-prezzemolo di Myrtilla's House ha dato il via a una nuova iniziativa dal titolo



Il procedimento è semplice ed è lo stesso che lei aveva inaugurato un po' di tempo fa con il raccontino Il salto, al quale anch'io avevo aggiunto un finale (questo): Patricia ci detta un incipit e noi lo continuiamo come meglio ci aggrada. Chiunque può andare sul suo sito e dare la sua adesione.
La sola regola da seguire è che il racconto deve essere compreso tra i duecento e i trecento caratteri. E poiché a me piace sia sfruttare al massimo lo spazio a disposizione sia rispettare le regole del gioco, il mio seguito è uscito di trecento caratteri esatti (ma in prima stesura erano quasi cinquecento!).


L'incipit di Patricia


Un'amaca all'ombra, una birra gelata, un buon libro. Cosa c'è di meglio nelle afose giornate estive? Quando il sole e l'umidità liberano la pigrizia?
Poi, ci si muove ugualmente. Basta lasciare la briglia sciolta alla fantasia. E un buon libro aiuta.
Lo chiuse. Con la mente prese per  mano il protagonista e......

Come si vede, l'incipit scritto da Patricia è molto stimolante per i bibliofili, perché offre la possibilità di entrare nelle pagine di un libro facendosi accompagnare da uno dei suoi protagonisti. Io ho scelto di farmi prendere per mano da Alice e di lasciarmi condurre nel Paese delle Meraviglie.


Il mio finale


“Dove stiamo andando?”.
“A un party di non-compleanno” rispose la bambina.
“L’avessi saputo mi sarei vestito meglio. E' che mi stavo rilassando sull'amac...”.
Era stata la figlia a svegliarlo.
“Papà, vieni a giocare?”.
Ma un istante dopo la bambina sentì la mamma chiamarla.
“Alice, lascia riposare papà!”.

* * *

L'illustrazione in alto sotto il titolo è: Yanmei, Alice Meets the White Rabbit.
http://yanmei.deviantart.com/

Commenti

  1. Risposte
    1. Grazie mille per l'apprezzamento Anna Maria!
      Tu ti sei orientata sull'avventura e io sulla favola. Vediamo cos'altro succede ;)

      Elimina
  2. Alice è l'unico personaggio di libri per l'infanzia che mi piace. Non mi piace Pinocchio, non mi piacciono tanti altri personaggi della letteratura per ragazzi, ma Alice la adoro :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piacciono anche Peter Pan, Winnie-the-Pooh, Brer Rabbit, Mowgli e Pippi Calzelunghe :)

      Elimina
  3. Grazie Ivano! :)))
    Copio il tuo racconto e lo metto in un post che pubblicherò il 1 ottobre e che conterrà l'elenco dei partecipanti e i loro finali.

    ps Pippi Calzelunghe???????????????? Tu????????? ahahahahahahah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché, non ti sembro un tipo da Pippi Calzelunghe? ^^

      Elimina
    2. Più o meno.... ahhaahahahh
      Pippi pippi pppi che nome fa unpo' ridere...
      Io no!!! Io mica la guardavo!!! Lei il cavallo, la scimmietta e quelle trecce....:)))

      Elimina
  4. ma che bello ... si vede che vivo in un mondo di favola anch'io ....era venuto in mente anche a me giocare con Alice ....
    molto dolce ... mi piace molto ... complimenti
    giusi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite Giusi!!
      Sono contento anch'io di come è venuto questo raccontino, anche se ho dovuto usare l'accetta ;)

      Elimina
  5. "Ma lo sguardo terrorizzato del papà continuava a oscillare da Alice al frammento mezzo mangiucchiato di fungo ai suoi piedi.
    Perchè ora la sua piccola Alice era alta più di dodici metri..."

    Scusa, non ho resistito a continuare... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dunque, il papà aveva solo sognato di essere svegliato dalla figlia. In realtà il sogno continua e, come a volte succede, si trasforma in un incubo...

      Elimina
  6. Nel fine difficile di recuperare i post arretrati, complice il mio voler fare le cose per bene, per la serie "se ho qualcosa da dire, devo prendermi il mio tempo", scontrandomi con l'assoluta mancanza di quest'ultimo, ho deciso di iniziare da questo (per il momento) per varie ragioni.

    La più pressante è lo stupore misto a compiacimento :D

    Provo a spiegarlo.

    Come mio solito, quando mi appresto a partecipare a qualcosa di pubblico, la prima cosa che faccio è evitare -appunto- il contatto con le altrui realtà, per ovvie ragioni, e ne ho già dato prova nella landa da cui provengo (evito precise specifiche spammose XD). Poi mi concentro sul da farsi, realizzo e, solo successivamente, vado a curiosare altrove.

    Ed eccomi qua a trovare una leggerissima analogia con quanto da me prodotto. La cosa mi stupisce nel suo essere, ma non troppo, avendo iniziato a conoscere la tua vena artistica, da cui il compiacimento per questa affine combinazione.

    Aggiungici il fatto che, come scritto da Pat, il mio estro creativo è nato anche come conseguenza -diretta e non- del meme autobibliografico lanciato proprio da te... beh, c'è da aggiungere altro? :D

    Detto questo, complimenti per il tuo finale, bello e ispirato ^_^


    PS: ce la farò a recuperare gli arretrati!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che il tuo finale non lo avevo ancora letto? Davvero molto bello e sorprendente anche l'analogia delle nostre due prove.
      E' vero, stare nei 300 caratteri non è facile, però è altrettanto vero che così sei costretto a concentrarti sull'essenziale...

      Buon proseguimento con i recuperi, ma anche se salti qualcosa non è così grave ;)

      Elimina
    2. Grazie e altrettanto per la citazione essenziale:D

      Per i recuperi: è più forte di me! È il classico "riprendere dove avevamo lasciato", sovralimentato principalmente da 2 fattori: quantità e qualità delle pubblicazioni. Sto cercando di smaltire in (ma non di) fretta, e nel tanto penso: meno male che il periodo estivo è sempre più calmo!!! XD

      Il prossimo periodo di vacanza (o presunta tale) vedrò di affrontarlo in maniera diversa, dando più da lavorare a pc e magari anche tablet, sul telefono è improponibile :P

      PS: se non riesco a riallinearmi nei recuperi, quasi sicuramente mi dedicherò al necroposting in data da destinarsi :D

      Elimina
    3. Eh sì, ne ho approfittato per una citazione al merito ^_^

      Necroposting suona leggermente macabro...

      Elimina
    4. direi oscuro :P

      i ccciovani lo definiscono così, mi sono adattato :D

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento