Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 124




Capitolo 10 - parte 8


In base al resoconto che le aveva fatto, Giulia a un certo punto aveva anche voluto togliersi una curiosità e chiedere alla sua interlocutrice se dovesse il suo nome a un famoso libro di Isabel Allende. In risposta Eva Luna aveva prima scosso la testa ridendo, poi aveva assunto di colpo un’aria vaticinante e proclamato qualcosa del tipo: “Quando la scrittrice di cui parli ha scritto quel libro io portavo questo nome già da molto tempo”.
Giulia non aveva la minima idea di quando la Allende aveva scritto il suo libro, ma era comunque certa che circolasse nelle librerie da un discreto numero di anni. Quel “molto tempo” se lo era così spiegato con la possibilità che Eva Luna non fosse un nome d’arte come lei aveva creduto ma il vero nome della donna, la cui età apparente era così poco indefinita ai suoi occhi da farle ritenere che potesse avere trent’anni come quaranta.
Luisa digitò Eva Luna sulla tastiera e un istante dopo lesse sullo schermo la notizia che il libro era stato scritto nel 1987. Se la Eva Luna che aveva visto lei la sera della conferenza sui tarocchi aveva davvero quarant’anni - ma Luisa ne dubitava molto - significava che nel momento in cui il libro era stato scritto lei “portava” quel nome da circa dodici anni. Ma dodici anni potevano davvero essere definiti “molto tempo"?, si chiese. Forse sì, però non riusciva a convincersene. Prendendo invece l’affermazione alla lettera, la prospettiva che si apriva era certo più incredibile, ma in qualche modo anche più soddisfacente se inserita nel contesto in cui lei si trovava suo malgrado a doversi muovere in quel momento.
Subito dopo, d’impulso, fece un’altra ricerca. Digitò stavolta le parole: Hotel Minoic Firenze, e attese che il motore di ricerca facesse il suo lavoro. Non rimase poi troppo stupita nel constatare che la prima pagina di Google non presentava nessun risultato corrispondente. E quasi con esultanza accolse il successivo esito della ricerca, dopo che aveva virgolettato le stesse tre parole e dato un nuovo invio. Le parole che lesse erano: La ricerca di - "Hotel Minoic firenze" - non ha prodotto risultati in nessun documento.
Bingo! esclamò dentro di sé. Anche se in realtà aveva tutt’altro che le idee chiare sul tipo di conclusioni che avrebbe dovuto trarre da quella scoperta. Sapeva solo che era impossibile che un hotel a cinque stelle non fosse menzionato da nessuna parte nel web. In altre parole, non esisteva e non era mai esistito nessun hotel Minoic, né nel centro di Firenze né altrove, nonostante lei vi fosse passata davanti mille volte. Oppure no? Cercò di ricordare quando fosse successo l'ultima volta prima del giorno precedente, ma appena aveva l’impressione di essere sul punto di ricordarsi qualcosa... Per esempio, quella volta che avevo fissato con Giulia per ritrovarci in libreria ed era una bella giornata di sole… l’attimo dopo la luce si fece smorta e la bella giornata di sole ridivenne la grigia giornata carica di umidità del giorno prima.
Ripensò allora all’inutile ricerca di notizie sulle Hel che aveva tentato giorni prima e alle sparute notizie che aveva trovato sul sito ufficiale del Ragnarock al riguardo. Però, questo significava che almeno il sito del Ragnarock esisteva, o era comunque esistito, fino all’improvvisa chiusura del pub, due giorni prima. Altrimenti anche in quel caso la ricerca non avrebbe dato nessun esito. Giusto?
Chissà poi perché continuava a farsi domande, come se sperasse che a dispetto della sua nebbia mentale ci fosse una parte di lei in grado di dare risposte meno che vaghe? Stava forse diventando schizofrenica? E l'improvvisa diversità dei suoi occhi l'uno dall'altro, apparsa come dal nulla, doveva considerarla un sintomo esterno e visibile di questa sua scissione interiore?
All'improvviso un'ombra le passò d'accanto a tutta velocità. Luisa impiegò solo una frazione di secondo a rendersi conto di quello che era successo, ma fu sufficiente perché l'ombra imboccasse l'uscita e si dileguasse nell'oscurità... con la borsa che le aveva appena scippato.

* * *

S    ilenzio!
O  scure
L  eggende
V  ichinghe,

... leggi qui il seguito.


Commenti

  1. E... adesso? o.O Ivano... sulla graticola, ci tieni!!! I martiri della B/N -_-
    Bravissima Pat! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso Glò? La blog novel è vicina alla fine della sua prima parte. Ma c'è tempo ancora per qualche bizzarria... ^_-

      Verissimo! Patricia stavolta ha superato se stessa *__*

      Elimina
    2. Così mi fate arrossire, fanciulli!!!!! :))

      Già da molto tempo...non possono essere una dozzina di anni. 120 forse... 1200 ancora meglio...
      Eva Luna non è di questa terra per me.
      Gli occhi che diventano uno diverso dall'altro, la memoria che sta diventando labile.... Luisa si sta trasformando... ma in cosa?
      E poi, come sarebbe a dire che l'hotel Minoic non esiste? Non è davanti a questo hotel che Luisa aveva visto una limousine e Alessandra?

      Brava Glò! E alla parola fine (della blog nvel) ci faranno sante!!!!!!

      Elimina
    3. L'Hotel Minoic? Non passo più così spesso come prima da quella zona del centro ma ti assicuro di no, che non esiste.

      Gloria e pure santa? Mi sembra eccessivo. Santa Mirtilla può andare...

      Elimina
    4. E chi ci guadagna è sempre lei... Myrti.... prrrrr

      Elimina
    5. A questo punto, Ivano introdurrà nella B/N la teoria delle stringhe :P Tutti a ripassare!!!
      Gloria, santa e martire... proprio il mio ritratto XD Ahahahah!

      Elimina
    6. In senso lato la teoria delle stringhe ci può stare... molto lato!

      Elimina
    7. Da Wikipedia:
      ...essa non descrive un solo universo, ma qualcosa come 10 alla cinquecentesima universi, ciascuno dei quali può avere diverse leggi fisiche e costanti.

      Elimina
    8. siamo 'na folla, per sintetizzare, Pat! XD

      Elimina
    9. ☆☆☆ Le stringhe sono tante milioni di milioni ☆☆☆
      ☆☆☆la stringa dei Negroni vuol dire qualità! ☆☆☆

      E Cicciolina lo conferma (;一_一)

      Elimina
    10. Ahahahah! In teoria dovrei censurarti, ma come è noto a me piacciono le stelle quindi ti lascio. ^_-

      Elimina
    11. E infatti l'ho detto a Glò che questa volta ero a rischio censura :D

      Elimina
    12. Pat, e di che! Ho il dono della sintesi XD Ahahahahah!

      N.B.: fortuna che non rispondo delle azioni del Capo -_-

      Elimina
  2. Grandissimo Ivano. E non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  3. Riprendo con i commenti, e oggi termino senz'altro la Parte Prima. :-) Povera Luisa, mi sembra un criceto che stia girando in tondo nella ruota... e ora le hanno scippato pure la borsa! Bella la trovata delle lettere in fondo alla parte!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è stato un omaggio di Patricia, la lettrice più fedele in assoluto della BN ^^
      Ammetto di stare trattandola malissimo Luisa, ma in fondo le voglio bene. E ancora non mi ha elevato nessuna protesta ufficiale.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento