Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2014
Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Quel che debbo ai Quindici /1: Dalla Preistoria all'Enigma

Immagine
Questo post è il terzo della serie dedicata all'autobiobibliografia, un progetto che mi è stato ispirato dalla lettura dell'opera di Henry Miller I libri nella mia vita e che consiste, in breve, nel realizzare un elenco di tutti i libri letti nella propria vita, prestando una particolare attenzione al periodo dell'infanzia e della prima giovinezza.
Dopo un primo post introduttivo al progetto, avevo realizzato un secondo articolo in cui cominciavo a esplorare gli scaffali della mia prima libreria. Ed è un'esplorazione che va intesa nel senso letterale del termine, perché è proprio del mobile che ha ospitato nei suoi scaffali i libri della mia infanzia che mi sto occupando. In particolare, avevo dedicato il secondo articolo alla collana degli anni '60 La stella d'oro, mentre adesso torno a parlare della mia prima enciclopedia: I quindici - I libri del come e del perché.Ho scritto "torno" perché in realtà questa è la terza volta che parlo dei Quindici. Me…

Solve et Coagula - Pagina 90

Immagine
Capitolo 7 - parte 8
Ma Fabrizio stavolta non ribatté. Pescò invece qualcos’altro dalla sua borsa: un sacchetto di stoffa rossa di piccole dimensioni. Aprì il laccio che lo chiudeva e estrasse un mazzo di tarocchi, che a Luisa sembrò identico a quello che Giulia aveva usato la sera prima durante il loro colloquio al bar. Si chiese così se anche lei non avrebbe dovuto adeguarsi e procurarsene uno sua volta, se non voleva rischiare di essere tagliata fuori da quello che poteva essere un nuovo club esclusivo.Fabrizio passò poi velocemente in rassegna le carte. Ma non tutte; a un certo momento ne scelse una e la posò una sul tavolo, con il dorso in vista.«Che fai?» gli chiese Luisa perplessa. «Avevi detto che non ti interessava leggere le carte».Fabrizio rise, per la prima volta dal momento della comparsa in scena di Alessandra. «Se avessi voluto leggere le carte, non ne avrei scelta una ma avrei pescato a caso. Osservate bene».E la voltò, svelandone l’identità.

«Si tratta, come vedete, del…

Solve et Coagula - Pagina 89

Immagine
Capitolo 7 - parte 7
Tutto quello che poteva vedere di lei era il volto, perché per il resto era coperta da un ampio golf a collo alto in cui le scomparivano perfino le mani. Ma sarebbe stato abbastanza per tenerlo inchiodato per delle ore. La figura che aveva davanti sembrava davvero uscita dalle pagine di un libro di fiabe. Gli occhi, color blu intenso, le brillavano di una misteriosa luce fredda e stellare sotto la fronte alta, spaziosa e così bianca da far credere che non l’avesse mai toccata un raggio di sole – a differenza dei capelli che sembravano invece aver rubato, all’astro diurno, tutto l’oro che potevano. Il naso, piccolo ma ben disegnato, affiorava tra gli zigomi alti e le guance leggermente paffute e pallide almeno quanto la fronte, per terminare con una morbida punta rivolta all’insù. Solo a un certo punto lui credé di individuare in lei, forse nella piega delle labbra ma non ci avrebbe giurato, qualcosa come una certa durezza, o perfino un accenno di crudeltà.

I dieci libri preferiti da Tarzan

Immagine
Oggi si gioca! Ovviamente come giocano i blogger, in particolare quelli un po' fuori di testa...
Eppure tutto nasce da un blogger di comprovata sobrietà, nientemeno che l'inossidabile Ferruccio Gianola che ha creato e lanciato dal suo blog Otium un nuovo meme davvero divertente. Lo riassumo così:Scegli un personaggio letterario (ma credo che possano valere anche personaggi di libri o fumetti) e i dieci libri che ritieni siano più in sintonia con le sue caratteristiche.Ferruccio ha scelto per sé il personaggio di Ulisse. Poi, sempre sul suo blog, è arrivato Pinocchio. Mentre Patricia Moll si cimentata, sul proprio blog, con Anna Karenina.
Ma veniamo adesso alle predilezioni letterarie del re della giungla. Sono quelle di questa lista, garantito!
1) Viaggio al centro della terra di Jules VernePerché fin laggiù si è spinto anche Tarzan e anche lui vi ha trovato un continente perduto, abitato da mostri antidiluviani e tribù di semiumani.
2) Il manuale delle Giovani MarmotteNella giung…

Solve et Coagula - Pagina 88

Immagine
Capitolo 7 - parte 6
Andò così a finire che le due ragazze misero Fabrizio al corrente di ogni dettaglio sulla famosa serata del doppio appuntamento di Luisa, quando lei si ritrovò ad essere miracolosamente presente nello stesso momento sia al concerto di Alessandra sia all’appuntamento con Eva Luna. Anche secondo lui, tuttavia, era molto difficile ingannare Eva Luna.«Non vorrai insinuare che ha dei poteri magici, che legge nel pensiero o cose del genere?» gli chiese Luisa.

Bathory II: Darvulia (seguito e conclusione)

Immagine
Più grandi sono le leggende, più risibili i fatti. Tutto quello che avevo creduto vero non trovava riscontro. Non c'erano vampiri né bagni nel sangue. Ma quel che più mi sconcertava era la sparizione della strega Darvulia. Divenne una sfida per me, una spia del cardinale Forgach, scoprire cosa si nascondeva dietro questi strani eventi.Ci eravamo lasciati nel post precedente con queste considerazioni di frate Peter. La risposta al suo interrogativo finale arriva in realtà quasi subito nel film, ma solo per lo spettatore. Accade nel momento in cui Erzsébet scopre nel suo laboratorio-ospedale il marchio di Thurzó: il re nero degli scacchi. (Ma si noti anche, accanto al re, un attrezzo di Erzsébet che, se usato, può simulare all'apparenza il morso di un vampiro; come dire che quel burlone di Juraj Jakubisko non si è fatto mancare davvero niente in questo film).

Ma perché il re nero degli scacchi dovrebbe rappresentare la firma di Thurzó? Perché gli scacchi sono, almeno nel film, un…

7 schizzi di figura umana (1966-1971)

Immagine
Alvaro - Era il "briosciaro". Passava nella nostra via nel pomeriggio, in sella a una bicicletta accessoriata con un contenitore di legno pieno di brioche. Non appena qualcuno di noi lo scorgeva arrivare ci precipitavamo. La sua speciale magia era la spolverata di zucchero a velo con cui abbelliva e insaporiva la brioche subito prima di consegnarcela.
* * *
Angiolino - Era il padrone e gestore del negozio di alimentari dove si serviva la mia nonna materna. Dovevo tenerlo d''occhio mentre faceva i conti, perché mia nonna era convinta che "grattava". Ma per me era un vero idolo, perché mi conservava ogni settimana le locandine dei film che proiettavano nel cinema del quartiere e che gli affiggevano in negozio per pubblicità. Avevo finito per crearmi una discreta collezione, ma il pezzo che consideravo in assoluto il più pregiato è questo:

* * *
Il giornalaio - Erano due per la verità. Mia nonna preferiva il chiosco nella piazza centrale del quartiere e di regola …

Solve et Coagula - Pagina 87

Immagine
Capitolo 7 - parte 5
«Mi piacerebbe poter condividere la tua visione ottimista della situazione, Fabrizio, Ma ne sono molto lontana» commentò con un’ombra di sorriso.Poi le venne da chiedersi se Eva Luna lo avesse o no informato circa le sue curiosità sulle Hel. E improvvisamente ebbe un pensiero terribile. E se lei gli avesse raccontato proprio tutto, compreso il suo goffo tentativo di farsi sostituire da Giulia al loro appuntamento? No, si rispose, questo era sotto ogni aspetto un pensiero paranoico, che non valeva neanche la pena prendesse in considerazione. E tuttavia i suoi dubbi si tradussero ugualmente, in un istante, in una domanda che lei senti come scivolare dalle labbra.«Hai novità sulle Hel?».

Bathory II: Darvulia (seguito)

Immagine
La storia raccontata da Juraj Jakubisko sembrerebbe ormai sufficientemente definita e la si potrebbe articolare secondo tre linee principali:la malvagia Darvulia si è impossessata, con i suoi filtri magici, della volontà della contessa Erzsébet Báthory e il risultato più evidente è l'aumento del numero delle morti di giovani donne nel castello di Cachtice; la Chiesa cattolica, messa in allarme, ha avviato un'indagine sul posto (affidata, giusto per ricordarlo, a due frati: l'anziano Peter e il giovane Cyril);l'ex alleato e amico di famiglia Thurzó, futuro Conte Palatino d'Ungheria, continua ad avanzare pretese territoriali nei confronti della famiglia Báthory-Nádasdy e a muovere avances, ogni volta respinte, a Erzsébet.
Ma, come vedremo in questo post, le cose sono tutt'altro che così ben delineate.
Di ritorno al prediletto castello di Cachtice dopo i mesi trascorsi a Sárvár, Erzsébet Báthory, ora vedova Nádasdy, riprende le sue abituali occupazioni. Tra queste l…

Nella scia di Incubi e Meraviglie (mini post)

Immagine
Per oggi è prevista l'uscita del nuovo articolo della serie dedicata al film Bathory, ma non riesco a non concedermi anche questo mini post, talmente mini da potersi considerare una nota a piè di pagina del post precedente, quello in cui affrontavo il meme creato da Marco Lazzara per diffondere la conoscenza del suo libro Incubi e Meraviglie.
Il punto è che comincio a sospettare che Marco Lazzara sia in realtà, dietro la facciata di comodo che presenta a noi ignari blogger, un potente druido. E che il suo meme (e forse, a questo punto, anche il suo libro) sia dotato di conseguenza di magiche virtù. Dico questo perché dopo un lungo periodo di sogni anonimi e perfettamente dimenticabili, in queste ultime due notti ho vissuto nell'ordine uno dei peggiori incubi della mia vita - così brutto che non avrei neanche lo stomaco per descriverlo - e uno dei sogni più colmi di meraviglie che mi sia mai capitato di fare. Anche quest'ultimo per la verità non riuscirei a descriverlo, ma s…

Incubi e Meraviglie di Marco Lazzara (mini meme)

Immagine
Sono stato nominato di nuovo, a distanza di pochi giorni dalla nomination di The Obsidian Mirror, per un meme. Stavolta a farlo è stato lo scrittore e blogger Marco Lazzara, autore a oggi (Marzo 2016) di due libri pubblicati: Incubi e Meraviglie e Arcani. Il meme da lui proposto è ispirato al primo titolo ed è in realtà un mini meme, con appena tre regolette veloci veloci da seguire.

1) Rispondere a due domande ispirate al titolo Incubi e Meraviglie:Qual è stato il vostro peggior incubo?
Cosa vi desta maggiore meraviglia?
Ed ecco subito le mie due risposte:
Non posso garantire che sia stato il mio peggior incubo in assoluto ma di certo è quello più significativo, visto che il suo ricordo mi accompagna fin dall'infanzia più remota. Questo incubo l'ho sognato infatti da piccolissimo, quasi certamente prima del mio secondo compleanno:
Sono seduto davanti alla mia abitazione, sul quadrato di marmo posto alla sommità di una delle due colonne laterali del cancelletto che apre sul cortil…

Solve et Coagula - Pagina 86

Immagine
Capitolo 7 - parte 4
«Quale racconto?» chiese Fabrizio, seppure con cautela avendo percepito la ritrosia della ragazza.«Giulia sta parlando di un vecchio racconto di fantascienza che parla di un faro» spiegò lei. «Mi ci sono imbattuta oggi per caso navigando su internet e le tue parole sulla torre me lo hanno fatto ricordare».«Allora sono tagliato fuori» replicò lui. «Non credo di averne mai letto uno in vita mia di racconti di fantascienza».Luisa sorrise davanti a quell’esternazione. Anche lei in fin dei conti di fantascienza sapeva solo quel poco che le era arrivato attraverso suo padre e gli unici due libri di quel genere narrativo che aveva letto per intero erano, per quanto ricordava, Cronache Marziane e Fahrenheit 451, entrambi di Ray Bradbury.

In compagnia dei lupi /4: Arriva l'uomo-lupo!

Immagine
In un giorno di primavera di molti anni fa stavo aiutando uno dei miei zii (lo stesso fratello di mio padre che mi fabbricò la mia prima libreria) a ripulire la soffitta di casa delle varie cose che vi erano state accumulate nel tempo. Lui faceva calare le cose dall'alto e io, in basso, le afferravo e le posavo sul pavimento. A un certo punto mi passò un pacco di vecchi fascicoli legati insieme da uno spago, una raccolta di inserti culturali allegati a una rivista che credo fosse Vie nuove - un settimanale, collegato al PCI e pubblicato dal 1946 al 1978, a cui lui era abbonato. Già la prima copertina in vista - che aveva a che fare con la preistoria - mi fece intuire che su quei fascicoli ci avrei passato, nei giorni a venire, un bel po' del mio tempo. E così fu.Presi nel loro insieme, formavano in effetti una sorta di enciclopedia, o piuttosto un vero e proprio scrigno delle meraviglie in cui sembrava trovare posto ogni cosa possibile e immaginabile, dall'uomo di Neandert…

Una mina inesplosa: Il Premio UNIA

Immagine
Tutto ciò mi ricorda un vecchio meme che girava un paio di anni fa, dove appunto si chiedeva di ricordare il primo libro letto.
...
Ai tempi di quel meme il tuo blog non c'era ancora ma sono sicuro che ti avrebbe fatto piacere rispondere a quelle domande (e a me leggere le risposte). Anzi sai che ti dico? Ti nomino adesso con due anni di ritardo. Ehehe.
Queste quattro righe di testo fanno parte del commento che Severino Forini, curatore del blog The Obsidian Mirror - un validissimo blogger ma anche, per chi non lo sapesse, un implacabile terminatore di meme - ha lasciato pochi giorni fa nel mio blog a piè del secondo post che ho dedicato al compito dell'autobiobibliografia: La mia prima libreria / 1: La stella d'oro. In quell'occasione ho citato, tra le altre cose, il primo libro da me letto, ed è stato proprio questo dettaglio a farmi esplodere sotto i piedi, a due anni di distanza, la mina del titolo - la nomination per un meme la cui origine e il significato stesso del…