Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 96





Capitolo 8 - parte 6


«Non ho mai preso un allucinogeno in vita mia e non ho nessuna idea del tipo di effetto che potrebbe avere su di me. Inoltre, in questo modo, mi privo di ogni possibilità di esercitare un controllo consapevole sulla realtà». Era questo il succo delle obiezioni che Massimo continuava a rivolgere a Maurizio, soprattutto da quando erano ripartiti da Londra dopo aver acquistato, come previsto e senza nessun intoppo, la "merce". Perché non si era fermato prima, finché era stato in tempo, non avrebbe saputo spiegarlo a nessuno compreso se stesso. E se fosse davvero diventato solo un ingranaggio, era arrivato a chiedersi, di un meccanismo molto più grande e determinato di lui, al quale non era ormai più in grado di opporre nessuna vera resistenza?
Maurizio, da parte sua, non faceva che rincorrere le obiezioni dell'amico, e ascoltare il loro dialogo dall’esterno in quei momenti, poteva davvero dare l'impressione di un disco rotto. «Ti dirò che non ti facevo così fifone. Io di acidi qualcuno ne ho preso» gli ripeteva «e come vedi sono qui a raccontartelo nel pieno possesso delle mie facoltà mentali. Tu consideralo un tentativo come un altro. Nel giro di ventiquattrore sarai tornato come nuovo e dopo avrai altri venti giorni a disposizione per controllare la realtà a tuo piacimento».

Fermarono la Prinz in un grande parcheggio al limitare della spiaggia, dove c’erano già altri veicoli parcheggiati. Era giorno pieno e il cielo era quasi completamente sereno, eppure il sole sembrava incapace di scaldare veramente l'aria e la temperatura sarà stata, calcolarono, intorno ai 25 °C.
«Cosa ti aspettavi?» esclamò Maurizio. «Non siamo ai Caraibi. E neanche a Rimini».
Massimo si guardò intorno per un lungo momento, in silenzio, prima di ribattere.
«Va bene. Allora vorrà dire che questa sera stessa sbrigheremo la pratica e domani, al massimo dopodomani, ce ne andiamo».
Maurizio lo guardò incredulo. «Andarcene? Dopo che mi hai fatto una testa così per sei mesi? E andarcene dove poi?».
«Non so, ci giriamo tutto il Regno Unito come dei veri turisti. Magari vediamo Abbey Road. E che ne dici di Edimburgo? E dei castelli scozzesi?».
«Con i fantasmi incorporati, immagino. Comunque mi trovi d’accordo. Anche secondo me un paio di giorni in questo posto lugubre e con la spiaggia tutta sassi possono bastare».
Cominciarono quindi a organizzare il resto della giornata in attesa di sbrigare la “pratica”, come l'aveva definita Massimo. Prima avrebbero mangiato qualcosa in paese, poi si sarebbero concessi alcune ore di assoluto relax e infine, dopo il tramonto del sole, avrebbero piantato la loro tenda da qualche parte sulla spiaggia. Dopodiché, tutto sarebbe stato nelle mani di Dio, o di chi ne faceva le veci da quelle parti.

«E Loch Ness?»
Massimo alzò gli occhi dal suo piatto di fish and chips e guardò l’amico.
«Hai nominato Edimburgo e i castelli scozzesi. Ma non Loch Ness».
«Embè?».
«Io è la prima cosa a cui avrei pensato, se fossi stato alla ricerca di quello che stai cercando tu» chiarì Maurizio.
Massimo lo guardò perplesso. «Non crederai davvero che io sia venuto fin qua convinto di vedere un mostro preistorico?».
Maurizio rise. «No, ma non sei neppure venuto qua soltanto per vedere il posto che ha ispirato a Eno il suo brano. Sei venuto qua alla ricerca di qualcosa… dell’ignoto, o qualcosa del genere».
Massimo scosse la testa. «Il mostro di Loch Ness è solo un’idiozia per turisti. Anzi, hai fatto bene a nominarlo, così staremo attenti a tenercene alla larga. Magari avremmo potuto finire da quelle parti per sbaglio, senza accorgercene».


Commenti

  1. Comincia a delinearsi lo spazio dell'azione!
    Io ti dirò, studiando il tema del connubio fra Eno e Bradbury sono venute fuori alcune cose più legate alla sfera dell'umano - almeno ad una mia visione personale - che del sovrannaturale, come credo di annusare qui, quindi non posso prevedere dove le due nostre visioni si incroceranno e dove si discosteranno!
    Sarà interessante poi verificarlo! :D

    RispondiElimina
  2. La differenza fa parte del gioco. Comunque io devo anche far combaciare le cose nella trama della blog novel, che per un lungo tratto si è sviluppata senza tenere conto né del racconto di Bradbury né del brano di Eno. Il mio campo di espressione della sensazione ha quindi dei limiti abbastanza definiti.

    RispondiElimina
  3. Il racconto del padre di Luisa apre un'altra diramazione nella storia, quasi un sottotesto. Sono curiosa di vedere a che cosa porterà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai capito bene. Prepara la strada alla seconda parte della Blog Novel, molto diversa dalla prima.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento