Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 95





Capitolo 8 - parte 5


Da a un certo momento in avanti tuttavia, trascorsa l’euforia iniziale, Massimo dovette cominciare a fare i conti con tutta una serie di dubbi.
E se il posto non gli avesse restituito nessuna delle sensazioni che gli aveva suggerito l’accoppiata libro e disco? E se tutto fosse cambiato in un quarto di secolo?
Inoltre il titolo del brano di Eno nominava l’autunno, così come il racconto di Bradbury era ambientato nel mese di novembre. Aveva quindi senso fare il viaggio d’estate?
Ma almeno sotto quest’ultimo aspetto sentiva di non avere scelta. Per tre motivi. In primo luogo, non poteva permettersi di posticipare oltre i mesi autunnali l’inizio della sua prima vera attività lavorativa; poi, né se la sentiva di dire al suo amico Maurizio che il loro piano vacanza era cambiato e né si sarebbe sentito al sicuro viaggiando attraverso mezza Europa con la sua Prinz in mesi diversi da quelli estivi.
Non gli restava quindi altro da fare che accettare le cose come stavano e sperare che i suoi timori si rivelassero, alla prova dei fatti, ingiustificati.

Un giorno però non riuscì a trattenersi oltre ed espose tutti i suoi dubbi al suo amico e futuro compagno di viaggio, Maurizio. Aggiungendo però, subito dopo, che tutto ciò non avrebbe avuto nessun effetto pratico sullo svolgimento della loro vacanza, che le cose erano già decise e tutto sarebbe rimasto immutato.
Maurizio prima ascoltò in silenzio, poi rimase per un po’ come assorto nei suoi pensieri, finché, a un tratto, guardò l’amico negli occhi e se ne uscì con una frase sibillina: «Vuoi davvero incontrare il tuo mostro dalla voce cavernosa?»
Massimo annuì, chiedendosi allo stesso tempo come dovesse interpretare quella strana domanda.
«Bene» ribatté deciso l’altro, «farò in modo che avvenga. E non avrà nessuna importanza se sarà d’estate invece che d’autunno».
Dopodiché fu categorico nella sua scelta di rimandare ogni spiegazione al momento opportuno che, assicurò all’amico, sarebbe stato al più tardi il giorno della loro partenza.
E le cose andarono più o meno così, perché l’argomento non fu più toccato fino alla sera prima del giorno previsto per la partenza, quando Maurizio acconsentì finalmente a sbottonarsi.
Il suo era in realtà un piano elementare, spiegò, dato che non consisteva in nient’altro che nel procurarsi alcune dosi di acido durante la tappa a Londra che avevano previsto di fare nel viaggio di andata.
«Mi sono già procurato i recapiti giusti» aggiunse. «In questo modo, se in quel posto c’è davvero qualcosa di più di quel che sembra da vedere, aumenterai senza dubbio di molto le tue possibilità di riuscita».


Commenti

  1. Ops! C'è sempre da aspettarsi che un amico un po' malandrino faccia di queste pensate, ma più in generale mi è venuto alla mente l'entusiasmo che si prova anche nei confronti dell'impossibile o del poco probabile quando si è giovani, diventa una questione di vita o di morte e se poi c'è di mezzo l'impresa eroica del viaggio, tutto ha un sapore ancora più forte e gustoso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Soprattutto si poteva aspettarselo, Alessia, ancora negli anni '80, quando la ricerca dell'effetto allucinogeno non aveva ancora ceduto completamente il passo alla ricerca del puro sballo da ecstasy o dell'illusoria iperefficienza da cocaina.
      Poi, ti dirò, a me viaggiare fa ancora oggi lo stesso effetto inebriante di allora ;D

      Elimina
  2. La cosa migliore dei viaggi spesso consiste propri nell'imprevisto e in questo post , tra i personaggi, ne abbiamo da vendere , compreso Brian Eno, vero caro Ivano?
    Bacio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'imprevisto è sempre in agguato, cara Nella, e soprattutto deve esserlo in una storia come questa :D
      E, che dici, a Brian Eno staranno cominciando a fischiare le orecchie a questo punto? A Bradbury credo di no, perché ci ha lasciato da un paio di annetti...
      Bacio a te!

      Elimina
  3. Partire ad incontrare i propri "mostri" non è da tutti, né in senso fisico né in senso mentale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si dice... curiosity killed the cat ^_^

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi