Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

I miei sette personaggi letterari preferiti




Circa due mesi fa, il 6 agosto, Daniele Imperi ha pubblicato sul suo blog il post I miei sette personaggi letterari preferiti.

Come mi accade in genere in questi casi, mi sono sentito spinto a lasciare un commento di risposta e ho così elencato a mia volta i miei sette personaggi letterari preferiti. Che sono, in ordine sparso:
1) Simona della “Storia dell’occhio” di Bataille.
2-3) Sia Margherita che il Maestro, protagonisti del romanzo-capolavoro di Bulgakov.
4) Teresa, la protagonista del libro “Lilla Stjaerna” di John Ajvide Lindqvist.
5) Eli, ancora da Lindqvist (“Lasciami entrare”).
6) Carmilla.
7) Marcel, alter ego di Proust nella Recherche.

Ma ora che mi accingo a dedicare loro un post, mi si pone anche un dilemma: i sette nomi sono gli stessi di due mesi fa oppure, a mente fredda, è cambiato qualcosa?

Vediamolo subito.


1) Simona (italianizzo per praticità il nome femminile francese Simone, che crea evidenti problemi di genere nella nostra lingua scritta). Conservo senza dubbio in classifica la giovane protagonista del breve romanzo erotico La storia dell'occhio del filosofo e scrittore francese Georges Bataille. La motivazione principale è che considero questo personaggio la migliore personificazione letteraria al femminile del connubio eros/morte che io conosca.

2-3) Maestro e Margherita. Due personaggi di uno stesso romanzo che niente, in fin dei conti, vieta di considerare come due metà di un unico personaggio.
Margherita è di gran lunga la metà più appariscente: artefice di un patto con il diavolo, Strega e Regina del sabba, Padrona di casa del Gran Ballo di Satana - tutto in vista della conquista di un amore eterno fin da questa vita. A lei nel romanzo di Bulgakov compete il ruolo della volontà attiva, contrapposto a quello nell'ombra e quasi esclusivamente ricettivo del suo amato Maestro.

4-5) Due personaggi di John Ajvide Lindqvist: Eli e Theres. Quelle del maestro dell'horror svedese, talvolta paragonato a Stephen King (ma è un paragone, a mio parere, ingeneroso nei confronti dell'autore svedese) sono due tra le più stupefacenti creature letterarie che mi sia capitato di incontrare. La prima è la giovanissima (almeno all'apparenza) vampira del celebre Lasciami entrare (Låt den rätte komma in), la seconda è l'enigmatica bambina dalla voce di cristallo, poi adolescente appassionata di lupi, protagonista di Una piccola stella (Lilla stjärna).

6) Tenebrae. E' la sola sostituzione che opero in questa lista. Perché, a ben pensarci, nella scelta di Carmilla più che il personaggio letterario in sé avevo considerato la mia passione per il bellissimo racconto omonimo di cui è protagonista, oltre al fascino esercitato su di me dalle tante Carmilla che si sono succedute negli anni sugli schermi cinematografici.
Tenebrae abita invece le pagine di quell'inarrivabile capolavoro che è Mason & Dixon di Thomas Pynchon. In verità le sue apparizioni sono sporadiche - una successione di brevi acquerelli di parole a opera del più grande scrittore vivente - eppure in qualche modo bucano la carta. Un esempio è questo descrizione del suo effetto sul cugino Ethelmer (che ambisce a entrare nelle sue grazie).
Tenebrae ha inventato e perfezionato un modo di rotear gli occhi, a tutti impercettibile salvo che al suo Bersaglio, di cui si mormora che l'effetto sia dirompente. La reazione di Ethelmer non è facile a cogliersi, salvo che ammicca lesto e per un attimo dimentica l'ubicazione del Do Centrale.

7) L'alterego di Proust nella Recherche. Come potrei non essere solidale con Lui e con il suo colossale esercizio di memoria involontaria che si protrae nel chiuso di una stanza per sedici anni e lungo 3300 pagine?

* * *

Come si può vedere, nella mia classifica la parte del leone, o meglio delle leonesse, la fanno le Creepy Girls con ben cinque presenze su sette. Anche per questo ho scelto di aprire il post con l'immagine in alto, un dettaglio di copertina dell'edizione ordfront del romanzo Låt den rätte komma in di John Ajvide Lindqvist.

E voi? Avete i vostri Magnifici Sette da proporre nel vostro blog?

Commenti

  1. Potrebbe essere uno spunto interessante.
    Non rispondo subito perché devo pensarci un po'. Ci sono alcuni personaggi letterari che sicuramente rappresentano una parte di me, o piuttosto un periodo della mia vita. Due mi vengono in mente subito senza esitazioni, ma arrivare a quota sette...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sicuro che li troverai. Attendo di leggere il post e intanto Bonne Recherche :)

      Elimina
  2. Uno spunto che prima o poi utilizzerò: me lo segno (ma saranno 12, come Moz o' Clock vuole)! :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, che abbondanza di messi! Attendo il post! :)

      Elimina
  3. Ne farò uno anche io.
    Apprezzo molto il tuo legame con Lindqvist, é uno di quegli scrittori che vorrei intervistare prima o poi.
    Finora però non sono riuscito a trovare nessuna sua mail per poterlo contattare.
    :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sui suoi libri svedesi c'è questo indirizzo a cui scrivere: forlaget@ordfront.se
      Sarebbe un vero colpo grosso se riuscissi a intervistarlo!
      Ma sono anche curioso di sapere dei tuoi magnifici sette :)

      Elimina
  4. io sono un personaggi0o Hemingwayano

    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente :)
      Io ci sto studiando sopra sul mio personaggio. Non sono sicuro di voler mantenere quello di King. Appena avrò raggiunto una conclusione preparerò il post.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento