Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et coagula - Pagina 64





Capitolo 5 - parte 13


Avrebbe così potuto ascoltare dalla viva voce dell’amica il resoconto completo del suo colloquio con Eva Luna, invece che averne un riassunto per via telefonica.
Detto fatto, due minuti dopo era sulla sella del suo scooter, in viaggio verso il Ragnarock. O, per meglio dire, verso il bar nei pressi del Ragnarock dove si era seduta due sere prima e dove aveva avuto occasione di leggere il trafiletto sulle Hel.

Al suo ingresso nel locale, Luisa avvisò il barista che avrebbe atteso l’arrivo di un’amica prima di ordinare e si sedette allo stesso tavolo della volta precedente. Cominciò poi a riflettere sullo strano sogno che aveva avuto durante il concerto. In realtà, se si escludeva la parte finale, il suo grado di verosimiglianza era tale da avere tutte le caratteristiche di un vero e proprio ricordo del suo passato. Rammentava infatti ancora benissimo, a sedici anni di distanza dall’ultima volta che l’aveva veduta, la casa abbandonata con la sua facciata color zafferano e le finestre con i vetri rotti. Così come ricordava il dettaglio dell’erba gattaia e anche gli strani discorsi che le faceva talvolta la nonna. Anzi, a pensarci bene era perfino in grado di dare un seguito all’episodio, perché una volta, notando come vicino al rudere ci fossero le tracce di un fuoco, aveva chiesto alla nonna se per caso le streghe non ci venissero ancora in quel posto.
Ma lei era stata categorica nel suo diniego: «No, l’ultima volta ci sono venute quando ero bambina io» le aveva risposto.
Argomento chiuso. O quasi. Perché poi, qualche giorno dopo, Luisa fece l’errore di chiedere a suo padre se sapeva cosa facessero le streghe e lui volle subito sapere come le fosse venuta in mente una simile domanda. Allora lei fece il suo secondo errore di seguito: quello di dirgli la verità. Il risultato fu una furiosa litigata tra i suoi genitori, con suo padre che insisteva sulla necessità di porre un limite ai suoi soggiorni dalla nonna, per preservarla da tutte le sciocchezze che le metteva in testa. Ed era un’idea, quella, che a Luisa non piaceva neanche un po’.
Per fortuna, però, la cosa rientrò più in fretta del previsto e la consuetudine che voleva che lei trascorresse almeno un fine settimana su due dalla nonna non fu intaccata. Si sarebbe comunque guardata bene, da quel momento in avanti, di far parola con suo padre di quello che lei sentiva dalla bocca dalla nonna. Chissà cosa avrebbe detto, per esempio, se avesse saputo che la metteva in guardia dalla Gatta Maimona! E questo era qualcosa che Luisa capiva ancor meno della faccenda delle streghe, perché se c’era qualcuno al mondo che lei avrebbe voluto incontrare di persona era proprio la Gatta Maimona. Ma a sentir sua nonna…
Il segnale di avviso del cellulare la distolse improvvisamente dai suoi ricordi. Guardò il display e vide che il messaggio era proprio di Giulia. Lo aprì con trepidazione e lesse:

Uscita adesso dal Ragnarock. Attendo tua chiamata.

(Il dedalo delle storie, 19 dicembre 2013)

>> Nota al Capitolo 5

>> Pagina 65

Commenti

  1. Ho l'impressione che con questa uscita dal Ragnarok intendi molto di più, vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' volendo potresti toglierti la curiosità leggendo il seguito sul Dedalo delle storie di Romina, dove ci sono già pubblicati i quattro post successivi a questo. Altrimenti la storia riprende qui dopo la consueta nota conclusiva di commento al capitolo (dato che con questo post termina giusto il quinto).

      Elimina
  2. In genere i padri erano molto più pragmatici delle madri su quello che c'era da insegnare ai bambini. Mi riferisco naturalmente ai nostri padri, magari i giovani padri sono ora molto più possibilisti sulle streghe e la Gatta Maimona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella che descrivi è anche la mia esperienza, Cristina. Solo che il padre di Luisa, che è destinato a diventare uno dei protagonisti assoluti della BN, è molto più addentro a queste cose di quel che lui immaginava... o, meglio, di quel che lui ricordava... all'epoca di questi discorsi che faceva alla figlia.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Il meme sull'autobiobibliografia - post di aggiornamento