Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 42





Capitolo 4 - parte 4


La risposta di Fabrizio arrivò quello stesso pomeriggio. Prendeva atto, da un lato, dell’incertezza di Luisa sulla possibilità di presenziare o meno alla conferenza e accettava, dall’altro, l’invito a cena. Si diceva inoltre lusingato che lei e Giulia avessero pensato di coinvolgerlo nella loro cena, che erano delle vere amiche, che non si aspettava tanto eccetera eccetera. La mail si chiudeva però con un’avvertenza di cui Luisa non poteva non tenere conto:
Mi spiace crearti delle complicazioni, ma io seguo una dieta alimentare rigorosamente vegan e devo perciò pregarti di non cucinarmi né carne né altri prodotti di origine animale. Andranno benissimo cereali, verdure e legumi di qualsiasi tipo.

O caspita, esclamò Luisa dentro di sé, pure questa!

Non era comunque il caso di perdersi d’animo. Fece di nuovo mente locale e si ricordò di una conversazione con Giulia in cui l’amica le aveva parlato di una sua compagna di danza che seguiva proprio quel particolare tipo di alimentazione. Non le restava che chiamare di nuovo e verificare l’esattezza del suo ricordo.
«Fabrizio ha accettato l’invito a cena» disse, non appena si stabilì la comunicazione.
«Be’, è quello che mi aspettavo» replicò Giulia.
«Anch’io, ma c’è qualcos’altro che forse non sai».
«Ok, dì pure: sono pronta».
Luisa rise: «No, niente di catastrofico, almeno credo. È solo che Fabrizio è un vegano... si dice così, vero?».
«Be’» ripeté Giulia «non dovrebbe essere troppo difficile accontentarlo».
«È per questo che ti ho chiamata» spiegò Luisa «la sola idea di cercare ricette di cucina in internet mi fa venire l’ansia e, se ricordo bene, è vegana anche una delle tue compagne di danza».
«Due per la verità, ma non so chi ha influenzato chi» rispose Giulia «vuoi dei suggerimenti su cosa cucinare, se ho capito bene».
«Hai capito benissimo. Purché sia roba semplice, alla mia portata. Non ho molta pazienza io con pentole e fornelli, lo sai».
«Mm… ok. Stasera dopo la lezione le interpello entrambe e domani ti faccio sapere».

Ottenuta la rassicurazione di Giulia, Luisa si sentì a quel punto in dovere di rassicurare a sua volta Fabrizio con due righe in cui gli chiariva che non era causa di nessun disturbo e che avrebbe avuto la sua cena vegan. Dopodiché si lasciò cadere, esausta, sul divano del soggiorno. Non sarebbe stata un’attesa facile, pensò, si sentiva già più nervosa del solito e si chiese se avesse fatto davvero la scelta migliore possibile. Ma qualunque fosse la risposta a quella domanda, era ormai impensabile che potesse tornare sui suoi passi.
Ancora pochi secondi e si alzò di nuovo, ma solo per cambiare stanza e distendersi sul letto con l’intenzione di ascoltare delle canzoni in cuffia dal suo ormai preistorico lettore cd. E, come capitava sempre in quelle occasioni, il suo pensiero andò per un momento a suo padre e alla sua vecchia collezione di musica rock.

(Il dedalo delle storie, 31 ottobre 2013)

>> Pagina 43

Commenti

  1. Mi sa che Luisa ha trovato "pane per i suoi denti"... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Del resto la vita riserva quasi a ogni passo degli imprevisti... ;-)

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi