Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - pagina 9





Capitolo 1 - parte 9


Luisa sorrise. Sorrise davanti alla sua ingenuità di bambina ma anche alla sua ingenuità di adesso. Cosa si aspettava? Di provare gli stessi brividi di allora? Chiuse comunque gli occhi e cercò di tornare con il ricordo ai giorni della sua infanzia. Soprattutto cercò di rievocare dentro di sé la voce della nonna mentre le raccontava proprio quella storia. Si ritrovò invece a pensare al giorno di dodici anni prima in cui finalmente si convinse ad andare a trovarla in ospedale. Troppo tardi però, perché era già in coma. E per giunta con la pelle tutta gialla e incartapecorita, trasparente quasi.
Avrebbe dovuto provare dolore allora, per la morte di quella che era stata la sua nonna preferita. Ma quelli erano per lei gli anni dell’indifferenza, gli anni difficili come li definiva sua madre, gli anni in cui esercitava il distacco dalla sua famiglia. Solo che non voleva pensare a quello in quel momento. Sospirando, riaprì gli occhi e li puntò di nuovo verso il pc. Vide che era già entrato in stand-by e sfiorò così il mouse per fare riapparire il file con Zio Lupo.
Un’altra cosa che aveva scoperto il giorno prima: la fiaba era romagnola, proprio come sua nonna che era nata a Monghidoro, un paese a poca distanza da Bologna. Questo spiegava perché la conoscesse.
E a proposito di Monghidoro, un’estate vi aveva trascorso un periodo di vacanza in compagnia di sua madre e della nonna e aveva scoperto che era il posto che aveva dato i natali a Gianni Morandi. Una volta era riuscita anche a vederlo, seduto al bar con gli amici. Certo, vedere Kurt Cobain o Freddie Mercury le avrebbe fatto tutt’altro effetto, ma dovevano già essere entrambi morti all’epoca e casomai si sarebbe trattato dei loro fantasmi. A quel punto ebbe un sussulto: di nuovo un pensiero a cui non sarebbe mai arrivata seguendo i suoi normali percorsi mentali e ancora una volta collegato alla morte, come quello di poco prima con sua nonna. Che cosa le stava succedendo? La lettura di Zio Lupo aveva forse avuto un effetto al di là della sua comprensione? O c’entrava qualcosa la conferenza sui tarocchi? A questo punto era anche un po’ preoccupata per la possibile piega che avrebbero assunto i suoi sogni: si sarebbe forse svegliata nel cuore della notte in un bagno di sudore e col batticuore?
Fu in quel momento che ebbe l’impulso di guardare in direzione del corridoio. La porta era aperta e nella sua cornice si delineava il contorno di una figura minuta, alta forse un metro e cinquanta ma ben proporzionata. La debole luce della stanza ne traeva appena dall’ombra il fragile contorno come anche sprazzi dei folti ricci biondi e del tessuto bianco del pigiama.
«Alessandra… non mi aspettavo di vederti. Mi hai un po’ spaventata» scherzò Luisa.
Per qualche motivo la sua strana figura le apparve invece, in quel momento, rassicurante.
«Vado in cucina a bere» disse l‘altra, in tutta risposta.

(Il dedalo delle storie, Lunedì 2 settembre 2013)

>> pagina 10

Commenti

  1. Ma questa Alessandra diventa sempre più inquietante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stato, e continua a essere, un personaggio molto difficile da gestire in una prima stesura com'è questa. Attualmente è uccel di bosco ma dovrà ricomparire.

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi