Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti, per offrire un migliore servizio ai lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per maggiori dettagli puoi leggere la seguente Informativa estesa.

Solve et Coagula - Pagina 25





Capitolo 2 - parte 13


«No, non credo che mentisca. Mi ha anche invitata ad andare a vederla suonare. Inoltre, un paio di volte è salita da noi una sua collega musicista con cui fa dei duetti».
«Questa sì che è una notizia» esclamò Giulia «la mummia egizia che intrattiene relazioni con il mondo dei vivi!».
«Già, proprio così. E come vedi non sono la sola a essere prevenuta verso qualcuno».
«Ma l’ha anche fatta entrare nella sua stanza?» insisté Giulia.
La domanda stavolta non lasciò indifferente Luisa che ci rifletté su per una manciata di secondi prima di essere, però, costretta alla resa: «Sai che non te lo so dire? Non ci ho proprio fatto caso».
«Caspita!» esclamò all’improvviso Luisa «Giulia, hai visto anche tu?».
«Visto cosa?».
«Io per aprire quel cavolo di portone devo spingere con due mani e faccio ancora fatica. Lei, Alessandra, sembra averlo fatto con un dito…».
«Come fai a dirlo con questa poca luce?» replicò l’amica.
«In ogni caso, non mi resta che imitarla» aggiunse Luisa, facendo seguire alle sue parole un gran sospiro che lasciò a dir poco sorpresa l’amica.
Non si scambiarono tuttavia altre parole se non la promessa di risentirsi l’indomani e, dopo il rituale bacio di saluto, si separarono.

Dopo meno di due minuti Luisa fu al di là del portone e ai piedi delle scale che la separavano dal suo appartamento. Le stesse scale, si fermò a riflettere, che la sua inquilina saliva ogni giorno con il violoncello in spalla. Dove trova tutta quella forza?, si chiese, sono forse gli intrugli energetici che beve? Ricordò a quel punto di essersi anche ripromessa di fare una ricerca in internet a proposito delle diete liquide, ma era qualcosa che poteva aspettare. Le urgenze, al momento, erano altre, a cominciare dal conflitto interiore in cui era immersa e che la lasciava completamente disorientata, combattuta com’era tra due i desideri opposti di affrontare di nuovo, al più presto, Alessandra e quello di evitarla invece come la peste.
Dovette in ogni caso ammettere con se stessa di essersi segretamente augurata, per gran parte di quel pomeriggio, di non rivederla mai più. E, anche in quel momento, non aveva perso del tutto la speranza che ciò che era successo tra loro quel giorno si rivelasse alla fine sufficiente a spingere la sua inquilina definitivamente fuori, armi e bagagli, dalla sua vita. Dopotutto, così schiva, così diffidente, così corazzata com’era… come poteva tollerare non una, ma due intromissioni nel suo mondo nel giro di così poco tempo? Poteva però benissimo avere sottovalutato la sua capacità di adattamento, così come, tratta in inganno dalla sua figura minuta, aveva sottovalutato le sue capacità fisiche.
Ma comunque stessero le cose, concluse dentro di sé Luisa, restava il dato di fatto che lei, a ventisei anni di età e senza nessun preavviso, si ritrovava per la prima volta con i confini della sua identità sessuale come smangiucchiati da qualcosa che continuava suo malgrado a percepire come esterno a sé, come poteva esserlo un branco di famelici pesci.

(Il dedalo delle storie, 25 settembre 2013)

Commenti

  1. Non credo che mentisca?! Forse vorrai dire "che menta"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono corrette entrambe le forme, Marco. Io mento, tu menti, egli mente... Oppure: Io mentisco, tu mentisci, egli mentisce,...

      Elimina
    2. Beh, allora sta mentendo sapendo di mentine.

      Elimina
    3. Esatto! E' come diceva il famoso conte: "Buon sangue, non mente!".

      Elimina
  2. A proposito di conti con i denti lunghi, questa Alessandra mi ricorda una sua "consanguinea"...

    (Non sapevo che fosse corretta anche la forma 'mentisca'...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà certe caratteristiche vampiresche di Alessandra sono in parte dovute al tentativo di far partire un nuovo ramo della storia di stampo più horror. Qui siamo ancora ai tempi del Dedalo delle storie.

      Elimina
    2. Riguardo invece alla forma "mentisca", non so bene neanch'io perché mi sia venuto spontaneo usarla al posto del ben più diffuso "menta".

      Elimina

Posta un commento

I tuoi commenti sono l'anima del blog. Il mio grazie se vorrai lasciare una traccia del tuo passaggio.

Post popolari in questo blog

10 serie a fumetti che hanno scandito i miei anni '70

Il libro azzurro della fiaba - I sette libri della fiaba Volume 1

Ivan e Maria (Иван да Марья)

Vikings S03 E07-10: La presa di Parigi

Black & White & Sex Talks

Insieme Raccontiamo 17: Omaggio a Malpertuis

Henry Miller e me - Breve invito a un meme sull'autobiobibliografia